Luca Mazzà direttore del Tg3 al posto di Bianca Berlinguer: tutta colpa di Massimo Giannini e del suo Ballarò

Caro Massimo Giannini, formalmente non sei stato “cacciato” da Rai 3. Il tuo contratto da “esterno” durava due anni e al termine non è stato rinnovato. Formalmente Ballarò non è stato soppresso. E’ stato nominato un nuovo direttore di rete ed il programma che non rientra nella sua linea editoriale verrà sostituito da un nuovo spazio informativo con un nuovo conduttore Gianluca Semprini proveniente da SkyTg24.

Anche lui un esterno, solo che la Rai lo ha assunto, vista la sua esperienza nelle all-news. Infatti la Rai ha assunto Semprini e lo ha destinato a RaiNews24 che lo presterà a Rai 3 per fare il programma che prenderà il posto di Ballarò.

Continua a leggere

Annunci

Massimo Giannini sotto attacco da parte del Partito Democratico: una manna che allungherà la vita ad uno spento Ballarò

Caro Massimo Giannini, ti stai candidando alle primarie per il ruolo di Megyn Kelly italiana in grado di far infuriare Matteo Renzi? Se sei in corsa per questa prestigiosa caratteristica giornalistica è per merito del Partito Democratico che dopo la puntata di Ballarò del 26 gennaio 2016 ha sferrato un attacco nei tuoi confronti al quale hai risposto nella puntata del 2 febbraio 2016 nel tuo editoriale introduttivo.

All’inizio della stagione tv (settembre 2015) eri stato attaccato direttamente dal presidente del Consiglio Matteo Renzi che però ti aveva messo sullo stesso piano di Giovanni Floris e del suo diMartedì per dire che facevate meno ascolti delle repliche di Rambo perché parlavate solo di quello che non va nell’Italia da lui governata.

Continua a leggere

Quel discorso da gran figlia di papà Boschi che i talk show non hanno potuto approfondire a causa della pausa natalizia

Caro Massimo Giannini, da quando il premier Matteo Renzi ti ha preso di mira facendosi scudo con Rambo, il tuo Ballarò mi appare un po’ meno inutile.

Anche tu lo sai che essere considerato “un gufo” da Renzi gioverà al programma, non tanto in termini di audience quanto di “originalità”, in una Rai che è diventata renziana ancor prima che Renzi ci mettesse il suo sigillo con la legge di riforma.

Continua a leggere

Il premier Renzi e la crisi dei talk show Ballarò e diMartedì battuti dalle repliche di Rambo: la debole autodifesa di Massimo Giannini

Caro Massimo Giannini, era proprio necessario il “pistolotto” (così lo hai chiamato) per difendere Ballarò dagli attacchi del premier Matteo Renzi ai talk show del martedì sera?

Evidentemente hai ritenuto di si.

Continua a leggere

Ballarò: costruisce gioco ma non segna. Ci vorrebbe un buon attaccante e invece lo conduce il centromediano metodista Massimo Giannini

Caro Massimo Giannini, per mesi hai rilasciato la stessa dichiarazione ovvero che Ballarò, nonostante la crisi dei talk show politici, aveva comunque il primato in prima serata tra i programmi giornalistici.

Ti attaccavi ad un punto o a uno zero virgola di più di share rispetto al tuo competitor diMartedì condotto su La7 dall’ex conduttore di Ballarò Giovanni Floris.

Continua a leggere

Ballarò di Rai 3 che fa lo stesso ascolto di La strada dei miracoli di Retequattro: due tweet di Caro Televip

A diMartedì: faccia a faccia Le Pen con d’Alema e Pinotti. A Ballarò: Lupi e Taverna. I tweet di Caro Televip

Colpaccio di ‪#‎Floris che mette uno di fronte all’altra Massimo ‪#‎DAlema e ‪#‎Marine ‪#‎LePen ‪#‎dimartedi sbeffeggia ‪#‎ballaro

#dimartedi ora lancia il secondo round via #DAlema entra ‪#‎Pinotti contro #LePen colpo di genio di #Floris mentre ‪#‎Giannini ha la ‪#‎Taverna ! Continua a leggere

Eva Giovannini di Ballarò non saprà mai cosa si sono detti Matteo Salvini e Marine Le Pen ieri a cena

Cara Eva Giovannini, ieri sera Ballarò di Rai 3 condotto da Massimo Giannini è uscito male dal confronto con di Martedì di La7 condotto da Giovanni Floris, il quale ha avuto la brillante idea di ospitare in studio Marine Le Pen, leader del Front Nationale francese, e metterla a confronto, prima con Massimo D’Alema (un importante esponente dell’ex Partito Comunista Italiano) e poi con il ministro Roberta Pinotti (esponente PD e possibile candidata alla presidenza della Repubblica Italiana).

Voi intanto avevate in studio il ministro Maurizio Lupi, mentre Giannini, con enfasi, avvisava il pubblico che stava per intervenire la senatrice grillina Paola Taverna. Ballarò però ha avuto anche una parte più che brillante, direi divertente, con te co-co-co-protagonista.

Continua a leggere

Ballarò: intervista esclusiva di Eva Giovannini a Mario Mori. Un montaggio con 57 stacchi tra intervistatrice ed intervistato, in 5 minuti

Caro Massimo Giannini, ieri sono uscito frastornato dalla visione dell’intervista esclusiva di Eva Giovannini all’ex capo dei Ros, il generale Mario Mori. A frastornarmi non sono state le parole di Mori ma il montaggio dei 5 minuti di intervista che hai deciso di trasmettere nell’anteprima di Ballarò.

Un’esclusiva del genere andava valorizzata e, piazzarla ad inizio trasmissione, è stata una scelta che ho apprezzato. Non hai fatto il giochino del “tra poco una intervista esclusiva in cui Mori parla della presunta trattativa Stato-mafia” per poi trasmetterla dopo due ore per tenere alta l’attenzione del pubblico. Continua a leggere