Archivi categoria: novità

La porta rossa di Rai 2: il mio primo binge watching su Rai Play 

Caro direttore generale e amministratore delegato Rai Antonio Campo Dall’Orto, ieri ho visto il finale di stagione 1 della serie La porta rossa prodotta da Rai Fiction e andata in onda in 12 episodi su Rai 2.

Questa è già una notizia ma lo è all’ennesima potenza se ti dico che a questo traguardo sono arrivato utilizzando, con piena soddisfazione, una della grandi novità della tua Rai: il servizio di streaming Rai Play.

Continua a leggere

Contrassegnato da tag , , , ,

La sindaca di Roma Virginia Raggi, con una grande interpretazione, dà il via alla nuova Edicola Fiore

Caro Rosario Fiorello, ieri hai condotto una prima puntata “Pum! Pum! Pum!” della nuova Edicola Fiore, dalla nuovissima location di Piazza dei Giuochi Delfici a Roma.

Per l’esordio hai voluto esagerare con gli ospiti “istituzionali”: Andrea Scrosati (Executive Vice President Programming Sky Italia), Nils Hartmann (Director of Original Productions Sky Italia), Andrea Fabiano (Direttore di Rai 1) e Virginia Raggi (sindaca di Roma).

Continua a leggere

Contrassegnato da tag , , , , , , , , ,

Rai Dire Niùs di Rai 2: la Gialappa’s Band e la battuta sul fisico di Adele

Cara direttrice di Rai 2 Ilaria Dallatana, tra le novità della tua gestione c’è la striscia quotidiana dopo il Tg2 intitolata Rai Dire Niùs che sul sito Rai Play viene così presentata:

“Grande ritorno della Gialappa’s Band con il nuovo programma targato Rai2 Rai dire Niùs. In uno studio che vorrebbe essere quello di un vero tigì patinato, la Gialappa’s Band ha convocato un amico che sostiene di essere iscritto all’Albo dei giornalisti, Michele Foresta. Accanto a lui c’è una ragazza che davvero è iscritta all’Albo ed è Mia Ceran. Forest si è assunto un compito importante, fare un programma che sia il “refresh” del TG2. Una situazione imprevedibile con notizie scelte secondo criteri assolutamente soggettivi”.

In questa presentazione non ci sono scritti tutti i programmi a cui si ispira Rai Dire Niùs. Così come non c’è scritto quanto è vecchio il modo di fare tv della Gialappa’s Band che, lasciata Mediaset, ha trovato nella tua rete l’elisir che potrebbe allungare la vita professionale del trio di comici.

E a proposito della comicità della Gialappa’s ieri nel loro tg satirico hanno dato una dimostrazione del livello che hanno raggiunto.

Continua a leggere

Contrassegnato da tag , , ,

Ritrovarsi a vedere TV8 più di Rai 1

Caro responsabile dei contenuti non sportivi di Sky Andrea Scrosati, ieri sono stato oggetto di una simpatica quanto meritata battuta da parte del direttore di Rai 1 Andrea Fabiano che mi ha risposto su Twitter: “D’ora in poi ti chiamerò carotv8”.

Me la sono meritata ma ritengo giusto dividere con te la soddisfazione per questa simpatica presa in giro. Si perché Fabiano ha risposto a questo mio tweet “#SingingInTheCar #igt #therealit #IlTestimone #4ristoranti #EuropaLeague e soon #EdicolaFiore #MotoGP @AndreaFabiano guardo più @TV8it di @RaiUno”.

Continua a leggere

Contrassegnato da tag , , , , , ,

Reed Hastings al Mobile World Congress 2017: musica per le mie orecchie di abbonato Netflix 

Caro co-founder and Ceo di Netflix Reed Hastings, sono un abbonato di Netflix Italia sempre più convinto di esserlo. Ieri sera ho iniziato a vedere American Crime Story Il caso OJ Simpson che, nonostante l’interesse, non ho voluto seguire su Rai 4 con le modalità settimanali e ad orario fisso della tv generalista gratuita.

Quello che pago a Netflix mensilmente vale anche solo perché elimina il pensiero di avere giorni ed orari fissi per guardare una serie o un film. nei giorni scorsi sei stato il protagonista principale dei keynote del Mobile World Congress 2017 che si è appena concluso a Barcellona.

Continua a leggere

Contrassegnato da tag , , ,

Anche Sony Pictures Television sul digitale terrestre gratuito: Maurizio Gasparri può continuare a vantarsi di aver introdotto il pluralismo nel sistema radiotelevisivo italiano

Cara Executive Vice President Western Europe International Networks Sony Pictures Television Network Kate Marsh, ogni volta che un gruppo multimediale mondiale entra nel mercato del digitale terrestre gratuito italiano, penso sempre alle dichiarazioni del ministro delle Comunicazioni (nel periodo 2001-2005) Maurizio Gasparri, firmatario dell’omonima Legge 112/2004, che si è sempre vantato di aver introdotto il pluralismo nel sistema radiotelevisivo italiano grazie al digitale terrestre.

Nel 2017 gli operatori/editori sul digitale terrestre sono moltissimi (l’elenco via Wikipedia) e tra questi sono almeno 6 i grandissimi gruppi multimediali: Rai, Mediaset, Cairo Communication, Sky, Discovery Italia,Viacom. Ciascuno di questi grandi gruppi opera con varie emittenti televisive.

Continua a leggere

Contrassegnato da tag , , , ,

Ballando con le stelle di Rai 1 è lontano dalla crossmedialità di una Rai che vuole essere media company

Caro direttore di Rai 1 Andrea Fabiano, la presenza di Selvaggia Lucarelli in qualità di giudice e di Roberta Bruzzone in qualità di opinionista, mi escludono automaticamente dal target del pubblico della edizione 2017 di Ballando con le stelle. Ho seguito la prima puntata solo per vedere la novità rappresentata dal ruolo di Valerio Scanu in qualità di co-conduttore social. Un format da museo delle cere come Ballando con le stelle ha bisogno di spunti innovativi e la crossmedialità in diretta tra tv e social network ha un potenziale notevole e tutto da inventare per la tv italiana.

Speravo che la funzione di Scanu fosse di portare l’universo social in tv e invece mi sono ritrovato davanti al solito tentativo di portare la tv sui social.

Continua a leggere

Contrassegnato da tag , , ,

La prima puntata di Hidder Singer Italia su Nove: due tweet di Caro Televip

 

Contrassegnato da tag , , , , ,

​Standing ovation di Rai 1: i primi (e per me ultimi) 40 minuti, in 9 tweet di Caro Televip 

che l’avete capito che ci vogliono far emozionare?

Al ridicolo dei balletti della Clerici non c’è limite

La mancanza di naturalezza della recitazione di Antonella Clerici è una delle qualità di #standingovation 

Il filmato di presentazione tirato via con due battute e poi l’esibizione di due “professionisti” all’ufficio casting

lui è un cantautore quindi posso togliere le virgolette

La conduttrice ha detto 1 milione di volte #standingovation in 30 minuti nuovo record mondiale di pessima conduzione

format banale casting cantanti ottimo conduzione obsoleta visti 5 minuti hai visto tutta la puntata bye @AndreaFabiano

#standingovation per me finisce qui: peggio del format solo la conduttrice da 3 milioni di euro lordi in due anni fonte @LaStampa

Contrassegnato da tag , , ,