Domenica Live alla ricerca dello share guadagnato da Domenica In.

Oggi il programma di Canale 5 era meglio organizzato di quello di Rai 1 che non può cullarsi sugli allori dei buoni risultati di ascolto ottenuti finora. Una D’Urso “meno” esagerata e un buon mix tra ospiti “normali” e trash. Il talk trash meno centrale. Il “cambio” c’è.

Oggi anche la “D’Urso intervista” è stata misurata come il personaggio che ne era protagonista: Cesara Bonamici.

Continua a leggere

Annunci

Uno mattina in famiglia, la tv del mattino di Rai 1 quella tanto intoccabile quanto brutta

View this post on Instagram

Uno mattina in famiglia, la tv del mattino di Rai 1 quella tanto intoccabile quanto brutta. Luca Rosini definisce "incredibili" le esibizioni di Guendalina Tavassi a Tale e quale show. Già, almeno quanto è incredibile che lui faccia il co-conduttore di Uno mattina in famiglia. Così come è incredibile che Guendalina Tavassi sia ospite del programma. Irritanti gli spazi "culturali". Temi immensi, messi in scaletta per darsi un tono che ti fanno dire "datevi all'ippica". Disarmante la superficialità, la banalità e la evanescenza del talk sui "miti". Sono basito: ascoltare cosa intendono per "mito" Alessio Bernabei e Guendalina Tavassi è qualcosa che da abbonato Rai sento di non meritare. Lui dice che per i giovani Rovazzi è un mito come Dante e Virgilio. Lei si avventura nel tentativo, fallito, di spiegare quanto la fama possa essere temporanea. Pietro Folena allo stesso tavolo con Guendalina Tavassi e Alessio Bernabei. Risultato: uno peggio dell'altro. Chicca finale. Una concorrente del gioco telefonico risponde "52!" in un secondo alla domanda "quanti sono i tasti bianchi del pianoforte", dicendo che ha risposto esattamente per caso e i conduttori dicono "bravissima". Come mi puzza questa tv.  #unomattinainfamiglia #rai1 #ingridmuccitelli #lucarosini

A post shared by @ akiocarotelevip on

Ascolti: la vecchia Domenica In che batte sonoramente la tv trash di Domenica Live. Una gioia ogni tanto questa tv me la dà

Ascolti. La cosa più divertente in questo inizio di stagione tv è pensare quanto stanno rosicando a Mediaset per le sberle che Barbara D’Urso #domenicalive sta prendendo da Mara Venier #domenicain anni e anni di spavalde certezze, annullate in poche settimane.

Linea Verde di Rai 1 senza Patrizio Roversi perde in personalità

Linea verde. La co-conduzione di Patrizio Roversi aveva una personalità che sosteneva persino la inconsistenza di Daniela Ferolla. Ora con Federico Quaranta raddoppia, l’inconsistenza. Le scelte incomprensibili della Rai 1 di Angelo Teodoli.

Due tweet sulla conduzione di oggi della Vita in diretta di Rai 1

Francesca Fialdini fa una domanda alla sorella di Stefano Cucchi, Ilaria: “Una domanda da donna. Come stai Ilaria?”. Non capisco perché era indispensabile la premessa “al femminile”.

Tiberio Timperi “Ognuno di noi pensa di conoscere bene i propri figli e invece poi”. Si parla di un caso di una minorenne scomparsa e ritrovata a Parigi. Perché generalizzare con quella premessa? Non fa preoccupare i genitori più sensibili?

La vita in diretta di Rai 1 non fa fuoco e fiamme e nemmeno scintille tra i conduttori: dunque, perché seguirlo?

View this post on Instagram

La vita in diretta è un programma che dovrebbe fare fuoco e fiamme della concorrenza. Il pomeriggio di Rai 1, la rete ammiraglia della Rai Radio Televisione Italiana, dovrebbe essere il punto di riferimento per la stragrande maggioranza dei telespettatori che in quella fascia oraria sono davanti alla tv. E invece non lo è: nei numeri degli ascolti, nei contenuti, nella capacità dei conduttori di fare la differenza. Dovrebbe essere qualcosa di unico, all'altezza della storia della rete e dell'azienda, ma non lo è. Più che fare fuoco e fiamme è un programma che brilla per le scintille tra i due conduttori Francesca Fialdini e Tiberio Timperi che però smentiscono e si scambiano fiori: tra loro non ci sono scintille ma vanno d'amore e d'accordo. Quindi, visto il poco interesse che suscita il programma, viene meno anche l'unico motivo per cui varrebbe la pena vederlo: sperare nelle liti furibonde tra i due conduttori #lavitaindiretta #rai1 #tiberiotimperi #francescafialdini

A post shared by @ akiocarotelevip on

Franco Di Mare, l’Accademia della Crusca e la parola giusta in italiano per dire whistleblower

Nella puntata di Uno Mattina su Rai 1 di oggi, 10 ottobre 2018 [QUI al minuto 28), Franco Di Mare nel suo corsivo “Sarò Franco” si è occupato del perché, a suo dire, non è stata finora trovata una parola italiana in grado di tradurre in modo esatto chi è il whistleblower, ovvero “chi segnala illeciti sul posto di lavoro”, di cui alla legge n. 179 del 30 novembre 2017 (“Disposizioni per la tutela degli autori di segnalazioni di reati o irregolarità di cui siano venuti a conoscenza nell’ambito di un rapporto di lavoro pubblico o privato”).

Il giornalista Franco Di Mare nel suo corsivo afferma:

“Se una parola non è traducibile in un’altra lingua è perché quello che la parola rappresenta è sconosciuto a quel popolo”.

Per sostenere la sua affermazione, il primo esempio che ha portato è stato quello del carciofo in Bulgaria dove hanno dovuto usare una parola inglese per dare un nome al carciofo perché in Bulgaria non c’erano i carciofi.

Il giornalista Franco Di Mare ha proseguito citando un articolo del suo collega Stefano Filippi dicendo:

“quando Il Giornale chiese aiuto all’Accademia della Crusca, vale a dire il tempio della nostra lingua, ebbe una risposta fulminante: se manca una parola per definire un fenomeno è perché quella società è estranea al concetto che quella parola vuole esprimere”.

Continua a leggere

Vieni da me, Il paradiso delle signore e La vita in diretta: il pomeriggio disastroso di Rai 1

Ascolti: La vita in diretta della coppia di maestrini Timperi-Fialdini ben 4 punti meno di Pomeriggio 5. Se ci aggiungiamo i flop Vieni da me e Il paradiso delle signore, per Rai 1 arrivare a maggio in queste condizioni vuol dire distruggere il proprio pomeriggio.

Domenica In con il ritorno di Mara Venier alla conduzione: la seconda puntata nel live tweeting di Caro Televip

Continua a leggere