Una perplessità grande come una casa sulla ottava edizione di Tale e Quale Show di Rai 1

View this post on Instagram

La presenza di Guendalina Tavassi nel cast ha dato il colpo di grazia alla mia già scarsa voglia di seguire l'ottava edizione di Tale e Quale Show il venerdì su Rai 1. Lo spessore ed il curriculum artistico dell'ex concorrente del Grande Fratello, non so che numero, meritava la presenza nel cast di un programma di prima serata della ammiraglia Rai? Un prime time che dà il là alla stagione autunnale della Rai? Io sono molto piu che perplesso. Capisco il budget limitato ma non posso fare a meno di chiedermi: alla cifra con cui è stata ingaggiata Guendalina Tavassi, Rai 1 non è stata in grado di trovare un personaggio con una storia artistica più ricca e, aspetto non secondario visto il genere di programma, con qualità canone e interpretative di livello superiore? La sua esibizione nei panni di Giusy Ferreri è stata la più brutta che io abbia mai visto in un talent show musicale in 15 anni di blogging tv. Carlo Conti, che ha fatto di questo programma uno dei trampolini di lancio della propria carriera in qualità di conduttore e autore top player, l'ha ritenuta all'altezza di questo show? Chissà, forse non ama più questo show come un tempo. #taleequaleshow #carloconti #rai1 #guendalinatavassi #talentshow

A post shared by @ akiocarotelevip on

Annunci

La Corrida di Carlo Conti su Rai 1, vista da Mariano Sabatini in ATuperTv su Radio In Blu

View this post on Instagram

Ho appena ascoltato ATuXTv di @mariano.sabatini su Radio In blu, in attesa di girarvi il link al podcast riporto la parte sulla conduzione di Carlo Conti de #lacorrida di Rai 1, visto che ne ho scritto su Twitter ad abundantiam. Dice Sabatini "Peccato che Carlo Conti sia un presentatore di tutt'altro stampo rispetto a Corrado la cui bonomia era solo l'involucro in grado di rendere sostenibile un naturale sarcasmo, che a tratti diveniva ferocia, lo stesso che traspariva dalle impagabili espressioni durante le esibizioni dei concorrenti. Niente che riguardi Carlo Conti. Carlo Conti non è in grado di fare tutto questo. Ecco perché questo reboot della Corrida appare fiacco, depotenziato, un format invecchiato perché nel frattempo la televisione c'ha abituati a ben altro chiasso a ben altra cattiveria. Un programma che, dopo aver segnato tante stagioni sulle reti Mediaset, rivela la mancanza di creatività della Rai. Mancano Corrado, il maestro Pregadio, e senza di loro che Corrida è?" (da ATuXTv di Mariano Sabatini su Radio In Blu del 28/4/18).

A post shared by @ akiocarotelevip on

Carlo Conti e la sua disastrosa conduzione della Corrida su Rai 1: il live tweeting di Caro Televip

Cazziatone di Carlo Conti a Ludovica Caramis. Le ripete 3 volte “sei partita molto in alto” come a dire… sta passerella in entrata così lunga? Manco fossi Monica Bellucci! Ludovica Caramis: ammazza che moscia! La “valletta” della Corrida deve avere sprint, essere spiritosa! #bohemah il primo problema è che un format così potente, così storico, riproposto dopo una lunga pausa non può sottrarsi al confronto con il passato; anche quello del post Corrado. Conti e la scelta della valletta tra il pubblico: non ci siamo per niente.

Più moscio della Caramis. Carlo Conti non c’entra niente con #LaCorrida non ha “il guizzo” come direbbe un personaggio cinematografico del suo amico Panariello. #LaCorrida il conduttore DEVE avere un brio, un’ironia, una mimica, una spinta che il Carlo Conti “istituzionale” non ha. Tra i conduttori top di Rai 1 allora avrebbe potuto farlo Fabio Fazio che quelle cose le ha e che sa valorizzare le persone “stravaganti”. Cara @RaiUno chiama la sostituzione per Carlo Conti: fai entrare Fabio Fazio e Nino Frassica come conduttori!
#LaCorrida manca il ritmo ma soprattutto la capacità di Carlo Conti di cogliere le caratteristiche dei concorrenti oltre quello che gli hanno costruito gli autori. Conduzione imbarazzante per un top player.
#LaCorrida non ho mai visto Carlo Conti così fuori contesto. Il commento migliore alla sua conduzione lo sta facendo il concorrente che suona i maialini “hanno fatto la loro porca figura” dice. Tu no. Carlo Conti meccanico. Battute telefonate. La sua peggiore conduzione dai tempi di Discoring. Il peggio del peggio che poteva fare Carlo Conti l’ha fatto: è andato dal maestro Pirazzoli per dirgli che era colpa sua perché una concorrente stonata era fuori tempo. Confronto impietoso con Corrado e Pregadio. Ma anche con Scotti e Pregadio. Voto: zero.
Programma fiacchissimo che nel piattume/pattume della tv generalista ci potrebbe anche stare a fine stagione. Si ma, con un altro conduttore. Carlo Conti bocciatissimo senza appello. #LaCorrida è un tipo di format con “una bibbia” quasi impossibile da toccare. La differenza la deve fare la conduzione. Carlo Conti non la fa. #LaCorrida la conduzione disastrosa di Carlo Conti non è il limite assoluto. Manca soprattutto l’atmosfera ironica e autoironica. È la Caporetto di una riproposta di un programma televisivo storico. Mollo questa deludente edizione de #LaCorrida la voglio ricordare con questa bella immagine: sono convinto che meglio di questo non potrà fare @RaiUno che disastro che sei!

Rosario Fiorello, Carlo Conti, Fabio Fazio e Pippo Baudo, ospiti del Festival di Sanremo di Claudio Baglioni: quello “meno” televisivo

Caro direttore artistico del Festival di Sanremo 2018 Claudio Baglioni, l’annuncio della presenza di Fiorello come super ospite della prima puntata del Festival, fatto da Fiorello durante la prima puntata del nuovo programma radiofonico di Fiorello, rende il Festival di Sanremo 2018, già un po’ il Festival di Fiorello.

Il fatto che tu ed il direttore di Rai 1 Angelo Teodoli abbiate detto nella conferenza stampa di presentazione che sarà una edizione meno televisiva e la musica tornerà al centro del Festival, è già un lontano ricordo.

Continua a leggere

La finale del 60° Zecchino d’Oro nel live tweeting di Caro Televip

Continua a leggere

Carlo Conti fa il 22% di share in prima serata su Rai 1 con la celebrazione dei 60 anni dello Zecchino d’Oro

#60Zecchini l’uomo del venerdì Carlo Conti centra un altro successo con la tv nostalgia. Non sarà mai un innovatore. Non lascerà il segno nella storia della tv con un’idea di tv del futuro. Un onesto lavoratore nella vigna del come eravamo @CarContiRai

Pavarotti, un’ emozione senza fine su Rai 1: i tweet di Caro Televip

Continua a leggere

Che cosa sono i Wind Music Awards 2017 e perché li ha trasmessi Rai 1?

Caro direttore di Rai 1 Andrea Fabiano, se è vero che non c’è mai pace per chi occupa la tua posizione è anche vero che tu non è che fai il massimo per stare tranquillo. Lunedì 5 e martedì 6 giugno ho seguito distrattamente i Wind Music Awards 2017 che hai trasmesso in diretta in prima serata.

Da semplice telespettatore e da semplice blogger appassionato di tv, ho fatto come sempre le mie considerazioni semplici sulla qualità dell’offerta televisiva e quando ho visto che non era di mio gradimento ho cambiato canale.

Continua a leggere