Daria Bignardi è molto meglio quando ascolta Andrea Delogu che quando dice ad Alessandro Di Battista: “Usi questa occasione per farsi conoscere”

Cara Daria Bignardi, non mi piacciono le tue Invasioni Barbariche (il venerdì alle 21.10 su La7) perché hanno tutte solo una finalità: dimostrare al pubblico che i tuoi ospiti hanno detto a te quello che non hanno mai detto in altre interviste ad altri giornalisti. E quando le cose non vanno in questa direzione, sei disposta perfino a gettare la maschera e a rivelare il vero obiettivo dell’intervista. Ti è successo venerdì scorso con il grillino Alessandro Di Battista. Lo hai invitato perché è il grillino del momento, colui che ha preso lo scettro di leader predestinato (lui si sente pronto per fare il presidente del consiglio).

Continua a leggere

Il blog di Grillo linka un post di Caro Televip su una intervista di Monica Maggioni a Matteo Renzi. Ma sia chiaro: per me sempre grillini sono!

Michele Santoro a Servizio Pubblico stende il red carpet plaudente per il Movimento 5 Stelle

 

Con Tatiana Lisanti il Tg3 delle ore 19 è un po’ più sprint

Cara direttore del Tg3 Bianca Berlinguer, mi ha fatto una buona impressione Tatiana Lisanti come conduttrice dell’edizione delle ore 19 del Tg3. Per anni è stata la conduttrice del GT Ragazzi e vederla alla conduzione dell’edizione principale del Tg3 fa molto “effetto ringiovanimento”. Immagino che la cosa non dispiacerà al nuovo segretario del PD Matteo Renzi e questo mi fa pensare che forse mi sbagliavo a non vederti adatta come direttore del Tg3 del nuovo corso renziano. La Lisanti è disciplinata, puntuale e misurata quando legge le notizie e lancia i servizi ma diventa peperina quando conduce le interviste in diretta. Durante il Tg3 delle ore 19 del 3/1/14 ha intervistato il senatore del Movimento 5 Stelle Michele Giarrusso. L’argomento del giorno (e dell’intervista) era: “Le 3 proposte sulla legge elettorale fatte da Matteo Renzi”.

Continua a leggere

Rassegna stampa Rai, che fortuna non avere la password!

Boh: Dai, ammettilo, un po’ ti manca la lettura della rassegna stampa Rai

Mah: Ma che scherzi! Fortuna ha voluto che la limitazione della password coincidesse con la nomina di un grillino a presidente della Commissione parlamentare di vigilanza Rai. La Fieg e l’ufficio stampa Rai mi hanno risparmiato la lettura delle dichiarazioni a testate riunite di Roberto Fico!

Mastrangeli conferma alla D’Urso il flop di Grillo. Missione compiuta? di Lord Lucas su tvblog.it con citazione di Caro Televip

Beppe Grillo perde, Barbara D’Urso vince.

Cara Barbara D’Urso, alle elezioni amministrative Il Movimento 5 Stelle guidato dal comico Beppe Grillo ha perso la metà dei voti rispetto alle elezioni politiche di tre mesi fa e in nessuno dei 16 capoluoghi di provincia in cui si è votato è andato al ballottaggio. Gli addetti ai lavori della politica stanno analizzando il crollo. Ieri sera da Lilli Gruber a Otto e Mezzo c’era la presidente dell’Istituto Cattaneo Elisabetta Gualmini che ultimamente è molto ricercata dai talk show politici perché ha scritto molti saggi sull’ascesa politica di Beppe Grillo. Se qualche laureando in scienze politiche toglierà le sue pubblicazioni dalla bibliografia della tesi, ha tutta la mia comprensione. Gli analisti mettono tra le principali cause della disfatta grillina gli errori di comunicazione, primo fra tutti quello di demonizzare la tv e non essere presente nei talk show politici con i propri rappresentanti.

Continua a leggere

Il Movimento 5 Stelle come la TV

Quinta Colonna ci infiltriamo tra le truppe di Bersani e lo salviamo votandogli a favore 

SOS Tata quelli che hanno votato con Bersani devono essere rieducati 

Passaparola diciamo che votiamo il nostro e poi votiamo quello di Bersani UllallaUllallalà! 

La Sai l’ultima? Diciamo che non voteremo mai i candidati di altri partiti. Ahahahah! 

Carramba che sorpresa! Abbiamo votato il candidato PD al Senato! 

La Corrida dilettanti allo sbaraglio