B come sabato di Rai 2

B come sabato: Andrea Delogu e Gabriele Corsi, una co-conduzione spenta per un programma che non accenderà mai il sabato pomeriggio di Rai 2. Non è questo il programma di cui aveva bisogno la seconda rete Rai che da anni è alla ricerca di un programma per rilanciarlo il suo sabato pomeriggio, in una fascia strategica con una concorrenza agguerrita. Proporre questo programma vuol dire sprecare un altro anno.

Annunci

Andrea Delogu co-conduttrice di B come sabato su Rai 2

Cara Andrea Delogu, il copione è importante ma se Marco Mazzocchi ti interrompe mentre avevi già iniziato a fare la tua battuta e poi tu la riprendi dall’inizio, non viene bene. Soprattutto se la dici a mo’ di poesiola. Le tua urla hanno svegliato quello del palazzo di fronte che stava facendo la pennichella. Secondo te: “Ci sono maree di donne che si sono sciolte” sentendo cantare Elton John da un ospite di “B come sabato”: ecco, quando ti allontani dal copione è anche peggio. Cara Andrea Delogu hai detto che la tua non è sovraesposizione ma gavetta. Ma andoavai se la gavetta è questa qui! Bella Delogu attaccate a “Stracult” e tienitelo stretto!

La romanità ostentata da Tiberio Timperi

Una Domenica In vecchio stampo con una Mara Venier in gran forma: Rai 1 ha di nuovo una domenica pomeriggio

Se vecchia tv deve essere che almeno sia fatta bene. Questa frase la ripeto da ieri, dopo aver visto la prima puntata della “nuova” Domenica In con il ritorno alla conduzione di Mara Venier.

Dopo pochi minuti di trasmissione ho scritto che il pubblico avrebbe premiato questo ritorno perché è stato subito evidente che l’impianto super classico funzionava bene ma soprattutto che alla conduzione c’era di nuovo “una pratica” di quello che il pubblico di Rai 1 vuole a quell’ora della domenica pomeriggio. Mara Venier ha sfoderato una conduzione brillante, una padronanza assoluta del mezzo e una determinazione, nel voler ristabilire immediatamente un contatto con il pubblico, che è stata palpabile ed efficace. Una prima puntata che è andata oltre il 16% di share dando letteralmente “una pista” alla concorrenza di Canale 5 che, con Domenica Live di Barbara D’Urso, negli ultimi anni ha stravinto la sfida degli ascolti. Certo, siamo solo all’inizio del nuovo confronto ma, una partenza così convincente con una conduttrice così motivata e perfettamente a suo agio come se non avesse mai lasciato lo studio di Domenica In, fa pensare che lo storico programma di Rai 1 possa tornare ad essere il punto di riferimento per la domenica pomeriggio dei telespettatori italiani. La “nuova” Domenica In non è la nuova frontiera della televisione ma sulle reti generaliste di programmi innovativi che possano stare solidamente sul mercato non ne vedo. Quindi mi tengo ben stretta l’opportunità di accendere la tv la domenica pomeriggio sapendo che su Rai 1 troverò un programma di intrattenimento leggero più adatto al mio sentire rispetto al programma e al genere di conduzione di Barbara D’Urso che mi propone Canale 5 da tanti, troppi, anni.

Caterina Balivo ed Elisa Isoardi: perché  Vieni da me e La prova del cuoco possono già essere considerati dei flop

View this post on Instagram

Caterina Balivo ed Elisa Isoardi: perché  Vieni da me e La prova del cuoco possono già essere considerati dei flop È finita la prima settimana di programmazione quotidiana di Vieni da me condotto da Caterina Balivo e della Prova del cuoco condotto da Elisa Isoardi, entrambi su Rai 1. Il primo (in onda alle ore 14), un programma nuovo ed il secondo (ore 11.30) un programma con un titolo vecchio ed un impianto radicalmente nuovo. Ad entrambi quindi, si dovrebbe lasciare il tempo di crescere per far abituare il pubblico alle tante novità. Entrambi stanno deludendo in termini di ascolto; quello della Balivo addirittura sotto il 10% di share, in pratica doppiato dalla concorrenza. Alla Isoardi servono 2/3 punti di share in più per respirare mentre la Balivo ha bisogno di almeno 4/5 punti di share in più per non affogare. Questo in termini quantitativi. Se però si parla già di flop è anche perché i programmi deludono sia dal punto di vista della struttura che della conduzione. Rai 1 ha investito risorse importanti su questi due progetti e le lacune che stanno mostrando sono incredibili e difficilmente si potrà colmarle tutte in corsa. È lecito chiedersi come sia possibile che la prima rete televisiva italiana abbia valutato all'altezza delle sfide che li attendevano questi due nuovi format così come sono andati in onda nella prima settimana. Ma a far parlare di flop sono anche le deludentissime conduzioni. È proprio quando un programma ha dei problemi che devono venir fuori il carisma, l'esperienza e le capacità di chi per mesi e mesi è stato protagonista di anticipazioni, articoli e interviste sulla stampa e di campagne promozionali molto curate e martelllanti che, giustamente, ne hanno enfatizzato la centralità. Nel momento della prima verità, sia Caterina Balivo che Elisa Isoardi non sono state determinanti per far partire con il piede giusto i due progetti. E se questo non è un flop, dimmelo tu cos'è #vienidame #laprovadelcuoco #rai1 #caterinabalivo #elisaisoardi

A post shared by @ akiocarotelevip on

Palinsesti La7 stagione 2018/19

Il solito bla bla bla dalle 7 a mezzanotte, con le solite facce, i soliti limiti di contenuti e format. Ma pieni di applausi in studio e tante, tantissime, interruzioni pubblicitarie. Se questo è un altro modo di fare tv, caro direttore di La7 Andrea Salerno.

Vuoi scommettere? Un unico pregio: riporta uno show nella prima serata di Canale 5 dominata dai reality

Metto su Vuoi Scommettere nel momento in cui arriva l’ospite “che non va da nessuna parte”, ci dice la urlante conduttrice Michelle Hunziker. È la giornalista Silvia Toffanin: scommettiamo che è la compagna dell’ad Mediaset Pier Silvio Berlusconi? Intanto “l’ospite” Maria De Filippi fa la conduttrice e Michelle Hunziker rosica: “Brava Maria! Stai qui tutte le puntate”. Lo spettacolo ridicolo degli ospiti che fanno la prova degli addominali non è più ridicolo di Maria De Filippi che dà le indicazioni a Michelle Hunziker su come muoversi in studio e su come condurre. Praticamente le scommesse sono una parentesi tra le chiacchiere degli ospiti, il caos in studio e la De Filippi che fa la maestrina con tutti su tutto.
Unico pregio del programma è che riporta nella prima serata di Canale 5 uno show, seppure scarso, ma che è comunque meglio delle prime serate con i reality.

Mario Monti chiede di non ricevere applausi durante l’intervista a Piazzapulita: applausi per lui

Finalmente! Un ospite di un talkshow di La7, Piazzapulita,
che chiede al conduttore di non ricevere applausi durante l’intervista. Mario Monti lo ha chiesto a Corrado Formigli che ha acconsentito anche se ha masticato amaro “vuole una intervista in loden”, perché è una critica vera e propria a quella che è una brutta caratteristica del suo come di molti altri talkshow di attualità politica di La7. Incredibile! Piazzapulita senza applausi sembra un programma di approfondimento. Caro Andrea Salerno, non è che ti andrebbe di lasciare il posto di direttore al professore!

I limiti di Francesca Fialdini in questa intervista a Laura Morante: ma quanto ha rosicato?

View this post on Instagram

Laura Morante è una delle mie attrici preferite ma dopo questa intervista a #LaVitaInDiretta entra nel Pantheon dei miei miti. Nulla più di questa intervista mostra i limiti di Francesca Fialdini. Non ha saputo cambiare registro quando ha visto che l'ospite non apprezzava il taglio dell'intervista con domande talmente banali e poste come se fossero "simpatiche". Laura Morante ha spiazzato la conduttrice che ha rosicato rispondendo in modo irritante. Dopo questa intervista, una conduttrice Rai, dovrebbe fare un bagno di umiltà e ritirarsi a meditare sul suo modo di essere in tv che si basa in modo esagerato sul mettersi al centro della scena. Umiltà! U M I L T À! Non sei una conduttrice 🔝ma flop. Grazie @CharlieDB per la segnalazione ed il link! https://youtu.be/h-2ukMUoZsc

A post shared by @ akiocarotelevip on

Via Crucis: la foto in primo piano di Francesca Fialdini insieme a quella di Papa Francesco in un tweet dell’Ufficio Stampa Rai celebrativo degli ascolti

Non ho seguito la #ViaCrucis in diretta su @RaiUno oggi leggo il tweet dell’Ufficio Stampa Rai accompagnato da 4 fotografie:
1) Primo piano del Papa.
2 e 3) Colosseo esterno e interno con croci.
4) Primo piano di Francesca Fialdini.
Al posto della foto della conduttrice io avrei messo la foto di un fedele o gruppo di fedeli in preghiera. Ma evidentemente #Rai1 ritiene più significativa l’immagine aziendale. Quello che a me fa un effetto un bel po’ strano è l’aver messo sullo stesso piano il primo piano della conduttrice/lettrice con quella del Santo Padre. Io, avessi avuto una responsabilità di comunicazione di questo genere, non l’avrei fatto. Se è vero che l’Ufficio Stampa nel tweet vuole evidenziare i risultati di Rai 1 è anche vero che non era proprio necessario mettere il volto della conduttrice per dare l’imprinting al tweet, mettendola “allo stesso livello” comunicativo del Papa. La già eccessiva esposizione della Fialdini, stavolta poteva essere evitata, a mio personale sentire. #bohemah