Archivi categoria: breaking news

Tiki Taka News non rinuncia al suo stile scanzonato anche nel giorno della strage di Manchester

Caro Pierluigi Pardo, ci sono conduttori e trasmissioni tv che hanno dei registri comunicativi talmente particolari che si fatica ad adeguarli alle situazioni. E’ il caso tuo e del tuo Tiki Taka News. Il programma nella versione delle 19, come in quella originale di seconda serata, ha un approccio ironico, leggero, scanzonato (a tratti tendente al sano “cazzeggio”) sul mondo del calcio e dello sport. E’ un approccio che ricalca il tuo stile di conduzione brillante, alla romana, con la spalla destra tendente al movimento in avanti ad accompagnare le tue parole in una sorta di “anacapito anacapaito” continuo.

Una conduzione che a me piace in situazioni e in giornate normali. Ma ieri non è era una giornata normale. Ieri era la giornata in cui tutto il mondo occidentale, e l’Europa in particolar modo, erano scossi dall’attentato terroristico con esplosioni nel foyer della Manchester Arena dove si era appena concluso il concerto della pop star americana Ariana Grande. Un attentato che ha provocato 22 morti, 120 feriti (12 gravissimi) e 12 dispersi. Tra questi, moltissimi bambini e giovanissimi che sono il pubblico principale della pop star ventitreenne.

Continua a leggere

Contrassegnato da tag , , , , ,

Rai 2 e la scelta di trasmettere il giulivo Detto fatto il giorno degli attacchi terroristici di Bruxelles

Cara direttore di Rai 2 Ilaria Dallatana, dirigere una rete Rai non è come cimentarsi in un tutorial tv per vedere se “io speriamo che me la cavo”. Dirigere una rete Rai non è come fare la produttrice rampante di un reality show per una società di produzione esterna.

Dirigere una rete Rai è affrontare con intelligenza e prontezza una situazione come quella che si è verificata oggi.

Continua a leggere

Contrassegnato da tag , , ,

Il Caso Spotlight premio Oscar come miglior film: roba da farci un talkshow in prima serata. Non in Italia, ovviamente

Caro Bruno Vespa, hai appena festeggiato in pompa magna i venti anni di Porta a Porta con una puntata speciale che è stata battuta negli ascolti da Chi l’ha visto. Questa grande auto celebrazione non è la prima. Hai dovuto auto celebrarti anche in occasione della puntata numero 1000. Ogni volta che ti autocelebri tiri fuori la storica telefonata in diretta che ti fece papa Giovanni Paolo II.

L’attenzione verso la Chiesa è nel DNA giornalistico di Porta a Porta ed è per questo che mi piacerebbe vederti trattare in prima serata il tema rilanciato dal film Il caso Spotlight diretto da Tom McCarthy che ha appena vinto l’ Oscar come miglior film (e migliore sceneggiatura).

Continua a leggere

Contrassegnato da tag , ,

Aspettando una Megyn Kelly italiana che faccia infuriare Matteo Renzi, mi godo l’originale che ha fatto infuriare Donald Trump

Cara Megyn Kelly di Fox News, il candidato alle presidenziali Usa Donald Trump ha mantenuto la promessa di non presentarsi all’ultimo dibattito televisivo delle primarie repubblicane trasmesso ieri da Fox News

Non ha partecipato perché tra gli intervistatori c’eri tu, la giornalista che durante il primo dibattito tv repubblicano del 6 agosto 2015 gli chiese conto delle aggettivazioni sessiste da lui usate:

“Lei ha chiamato le donne che non le piacciono.. maiali grassi, cagne, sciatte, animali disgustosi…”.

Continua a leggere

Contrassegnato da tag , , , , ,

Parallelo Italia di Gianni Riotta su Rai 3: la prima puntata nei tweet di Caro Televip

#paralleloitalia certo al Governo Renzi mancava una vetrina estiva in prima serata e @RaiTre non poteva non offrirsi volontaria

Per la serie le grandi interviste in ginocchio con la barba Gianni #Riotta regge il microfono al premier #Renzi #paralleloitalia @RaiTre

@RaiTre non ha giornalisti governativi di spessore internazionale così ha preso #Riotta una garanzia: da Andreotti a #Renzi

Continua a leggere

Contrassegnato da tag ,

Samantha Cristoforetti torna dalla missione nello spazio: speriamo non le arrivi la proposta di fare la concorrente a Ballando con le stelle

Caro Fabio Fazio, oggi non inviare il tuo solito tweet all’astronauta italiana Samantha Cristoforetti perché non potrà risponderti visto che è impegnata nel viaggio di rientro dallo spazio dopo essere stata in missione nella Stazione spaziale internazionale (Iss).

Torna sulla Terra come una vera star mediatica e l’augurio più sincero è che lo sia sempre di più per le sue capacità professionali e per l’esempio che ha dato in qualità di donna che attraverso lo studio, l’alta specializzazione, il lavoro e la passione, ha raggiunto il sogno della sua vita rappresentando anche l’immagine migliore dell’Italia nel mondo.

Continua a leggere

Contrassegnato da tag , ,

Obama, Lo Porto, Renzi: sembra una puntata di House of Cards ma purtroppo non lo è

Caro showrunner di House of Cards Beau Willimon, il 17 aprile 2015 il presidente degli Stati Uniti Barack Obama ha ricevuto in visita ufficiale il presidente del Consiglio dei Ministri italiano Matteo Renzi.

Una visita cordialissima celebrata davanti alle telecamere con battute sulla eccellente qualità del vino italiano.

Continua a leggere

Contrassegnato da tag , , , , , ,

Tragedia di Charlie Hebdo in diretta: “Che ci sta a fare il Tg1?”, si chiede Aldo Grasso

Caro Aldo Grasso, nella tua rubrica Tele Visioni su CorriereTV, hai firmato un pezzo intitolato “La strage di Parigi e l’assenza della Rai. Tutti i grandi eventi li gestisce Vespa. Che ci sta a fare il Tg1? (CorriereTV, 14/1/15).

Siamo in tanti ad aver scritto e detto che la Rai ha deluso in questa occasione ma tu, che sei il primo critico televisivo italiano, hai sintetizzato in modo pragmatico ed efficace il problema. Continua a leggere

Contrassegnato da tag , , , , , , , , , , , , , , , ,

Napolitano si è dimesso: il talent show “Chi sarà il presidente di tutti gli italiani?” può cominciare

Cari direttori di tutte le reti televisive e di tutti i tg, il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano ha rassegnato le dimissioni e per voi comincia un lungo periodo professionale in cui andrete alla ricerca perduta del nome del suo successore. Un format non scritto ma già scritto.

Si tratta di un evento politico e istituzionale che calamiterà l’attenzione della televisione molto di più di quanto non accade normalmente. Continua a leggere

Contrassegnato da tag , , ,

Charlie Hebdo: finite le sparatorie a Parigi… anche Rai News 24 può tornare alla normalità

Finite le sparatorie a Parigi. Su RaiNews24 i giornalisti conduttori possono tornare a condurre e il direttore Monica Maggioni può tornare a fare solo il direttore.

Contrassegnato da tag ,