Megyn Kelly ha intervistato Donald Trump e il giornalismo Usa ne esce molto male

Cara Megyn Kelly di Fox News, martedì 17 maggio 2016 è stato il giorno dell’attesissimo faccia a faccia tra te ed il candidato repubblicano alle elezioni presidenziali Usa. Un faccia a faccia tanto atteso quanto deludente.

Ci si aspettava una intervista storica da parte della giornalista che per prima lo aveva inchiodato con domande sulle sue frasi sulle donne e invece abbiamo assistito ad un minuetto smielato tra una giornalista principalmente concentrata a completare il ciclo della propria auto-promozione.

Continua a leggere

Annunci

Fox rinnova I Simpsons per altre due stagioni (27esima e 28esima) via @Variety

The Walking Dead: al Roma Fiction Fest 2014, Gale Anne Hurd la executive producer che non ha paura di rischiare

Cara executive producer di The Walking Dead Gale Anne Hurd, la tua masterclass (ben condotta da Marco Spagnoli) ha illuminato la prima giornata del Roma Fiction Fest 2014 diretto da Carlo Freccero. Dopo pochi minuti è stato chiaro che c’è molto del tuo carattere determinato e combattivo in questa serie di così grande successo. Siamo abituati ad associare “la personalità” di una serie tv con quella di attori, registi e sceneggiatori.

Tu sei la dimostrazione che anche i produttori esecutivi trasmettono il proprio carattere alle serie che producono.

Continua a leggere

Jennifer Lopez ancora non sa se rifarà American Idol e lo dice in diretta radiotelevisiva masticando la gomma americana come in un film di Carlo Verdone

Cara Jennifer Lopez, in questi giorni il pubblico televisivo americano è assillato dall’interrogativo: JLO tornerà a fare il giudice di American Idol (Fox) nella edizione numero 13? L’interrogativo non ha trovato ancora risposta nemmeno durante la tua partecipazione al programma radiofonico On Air with Ryan Seacrest, che è il conduttore di American Idol. Eri lì per presentare il tuo nuovo singolo Live It Up (ft. Pitbull) e Ryan Seacrest non poteva esimersi dal chiederti se sarai nel cast del talent musicale più seguito dagli americani ma tu hai risposto: “Non lo so. Vedremo. Sono sempre aperta alle infinite possibilità che l’universo ha da offrire. Quindi, non si sa mai”.

Continua a leggere

New Girl: la serie tv scioccherella che ti salva dalla pseudo televisione di qualità e di contenuto

Cara Zooey Deschanel, in fuga dal Festival di Sanremo ho scelto di guardare le puntate 11 e 12 della prima stagione di New Girl, la sit com di cui sei protagonista nei panni di Jess (prodotta da Fox e trasmessa in chiaro in Italia da Mtv, canale 8 del digitale terrestre). Cercavo qualcosa di lontano anni luce da Fabio Fazio e Luciana Littizzetto, due conduttori che anche quando sembrano brillanti e divertenti mi danno una sensazione di agonia televisiva. Nonostante i meccanismi ed i contenuti banali, New Girl mi ha intrattenuto con le sue  vecchie atmosfere già viste in tutte le sitcom sulla convivenza tra amici che hanno fatto la storia del genere. La tua Jess è una ragazza testarda che ha una certezza: negli altri c’è sempre qualcosa di buono e bisogna amarli per quello che sono.

Continua a leggere

Da Vinci’s Demons di David S. Goyer: un serial gotico rinascimentale in cui ci saranno tormento, estasi, effetti speciali e molto Galles. Perché così hanno voluto i produttori.

Caro David S. Goyer, ho assistito alla presentazione di Da Vinci’s Demons che hai fatto al Roma Fiction Fest. Dovevi proiettare le prime attesissime immagini di questa serie che, dopo aver visto solo tre clip, mi sento di definire gotico rinascimentale. Molto gotico e poco rinascimentale, visto che l’impatto visivo british è preponderante e marchia moltissimo il prodotto. La tua giustificazione è inattaccabile: “La serie è stata finanziata da produttori statunitensi e britannici che hanno voluto quelle location”. Per onorarli ancora di più, durante le riprese hai indossato anche la felpa “Royal Welsh College” (insieme al production designer Ed Thomas) e hai messo una foto del backstage sul tuo sito.

Continua a leggere