Finalmente Rai 1 ci libera da Ti lascio una canzone

Caro direttore di Rai 1 Giancarlo Leone, sono stato lontano dalla tv e dal web per due mesi e mi ritrovo con Lord Lucas di Tv Blog (blogger che stimo) che tesse un elogio sperticato della professionalità di Antonella Clerici votata al sacrificio aziendale come una kamikaze contro la corazzata Maria De Filippi, “maltrattata” dalla Rai che non l’ha protetta adeguatamente e che quando lei se n’è lamentata l’ha multata.

Continua a leggere

Annunci

Rai 1: il facile venerdì di Tale e Quale Show ed il difficile sabato di Ti lascio una canzone

Caro direttore di Rai 1 Giancarlo Leone, le due prime serate del venerdì e del sabato di Rai 1 non fanno per me. Venerdì mi è capitato di vedere Tale e Quale Show nel momento dell’esibizione di Gabriele Cirilli e Flavio Montrucchio nei panni di Paola e Chiara e si è rafforzata la mia convinzione che questo programma di successo condotto da Carlo Conti sia una baracconata.

Sabato invece ho visto il momento in cui una ragazzina di 10 anni, Gaia Di Giuseppe, accompagnandosi al pianoforte ha interpretato a fatica Amore bello di Claudio Baglioni.

Continua a leggere

Antonella Clerici, il teleprompt e Ti lascio al capolinea

Cara Antonella Clerici, a Ti lascio una canzone usi il gobbo elettronico (teleprompt) anche quando sembrerebbe inutile. Sabato avevi come ospiti Cochi e Renato, due personaggi per i quali una conduttrice esperta come te non dovrebbe avere bisogno di leggere le note biografiche e le domande da fare. Eppure, sei talmente abituata a leggere che evidentemente non ne puoi più fare a meno. Su twitter ho ironizzato: “Antonella Clerici per fare 3 domandine a Cochi e Renato ha usato il gobbo: non è una conduttrice a soggetto”. Giulio Serri (@giulioserri), che cura il tuo fan club ufficiale, mi ha prontamente fatto notare che: “Antonella è anche autrice del suo prompt”. A questo punto dall’ironia sono passato ad una più attenta analisi del testo autorale che hai scritto e letto:

Continua a leggere

Bambina che piange per il voto di Pupo: il passo falso di Ti lascio una canzone

Caro presidente della Rai Anna Maria Tarantola, sabato sera una bambina ha pianto in diretta nel varietà del sabato sera di Rai 1. Si tratta di una concorrente del programma Ti lascio una canzone condotto da Antonella Clerici. Il programma è un talent show di successo che però riceve da anni non poche critiche per il fatto di basarsi sull’esibizione/gara di bambini che cantano canzoni da adulti. Sono in molti inoltre a ritenere che i bambini ed i loro genitori prendono la gara un po’ troppo sul serio. Le lacrime accorate della bambina Caterina (11 anni) non faranno che aumentare i detrattori del programma. E’ successo che, proprio ad inizio serata, la bambina Caterina ha cantato La musica è finita di Franco Califano e Umberto Bindi, definita dalla conduttrice Antonella Clerici “Una canzone che racconta la struggente fine di un amore”. Al termine dell’esibizione la giuria ha dato i seguenti voti: 8 Massimiliano Pani, 8 Cecilia Gasdia e 7 Pupo. Continua a leggere

Storiella (o parabola) sui secondi classificati (ma anche sui primi) ai talent show musicali

Caro Davide Mogavero, ieri alla cassa della libreria Mondadori di piazza Cola di Rienzo a Roma ho assistito ad un dialogo tra i due cassieri (un uomo ed una donna) che ti riguardava. Stavano parlando di un evento che la libreria ospiterà il giorno 21 (settembre, suppongo!) e il cassiere ha detto alla sua collega “Ci sarà il secondo classificato a XFactor; ma non a XFactor di quest’anno. Il secondo classificato a XFactor dell’anno scorso”. La cassiera ha replicato: “E chi è il secondo classificato a XFactor dell’anno scorso?”. Il cassiere ha scosso la testa come per dire “Non ne ho la più pallida idea” mentre la cassiera ha alzato lo sguardo su di me che con espressione ignara scuotevo la testa facendole capire “E che lei il 2 agosto 2012 vuole sapere da me chi è il secondo classificato a XFactor 2010? Boh e pure doppio Mah!”. Il silenzio è calato sulle casse della libreria, uno di quei silenzi che fanno riflettere. Continua a leggere