Enrico Papi conduttore di TV8: per la tv gratuita, Sky punta su un simbolo della tv Mediaset Anni ’90

Caro responsabile dei contenuti non sportivi di Sky Andrea Scrosati, la prossima settimana presenterete alla stampa Guess my age – Indovina l’età, il quiz con cui contate di far decollare l’access prime time di TV8, la vostra rete di punta sul digitale terrestre gratuito. Nella passata stagione tv avete perso la sfida in quella fascia oraria contro il competitor diretto, Nove, il canale Discovery Italia che ha proposto con successo il quiz Boom! condotto da Max Giusti. Un quiz che si è stabilizzato da subito sul 2% di share e oltre, con punte del 2.5%, davvero un risultato importante in un access prime time ricco di offerte.

Voi per TV8 avete presentato, in alternanza, il game show musicale Singing in the car condotto da Lodovica Comello ed Edicola Fiore condotto da Fiorello e Stefano Meloccaro.

Continua a leggere

Contrassegnato da tag , , , , , , ,

La Rai 1 di Andrea Fabiano e le repliche perdenti del sabato sera estivo

Caro neo direttore generale della Rai Mario Orfeo, ieri sera la replica del varietà Laura e Paola su Rai 1 (11.43% di share) ha perso contro la replica di Ciao Darwin 7 su Canale 5 (17.3% di share, fonte davidemaggio.it). In pratica lo stesso distacco di quando la stessa sfida c’è stata in prima visione (però di venerdì). Si perché ieri sera su Rai 1 e Canale 5 è andato in onda il trionfo della tv estiva: le due principali reti televisive che trasmettono nella prima serata del sabato estivo due show in replica che si sono scontrati come quando sono andati in onda in prima visione. Solo la notevole differenza climatica non avrà fatto sentire il telespettatore come nel film Il giorno della marmotta. Questa clamorosa sconfitta ci dice tre cose: la prima è che il direttore di Rai 1 Andrea Fabiano ha avuto la presunzione di credere di poterla vincere quella sfida dopo averla già persa una volta; la seconda è che la Rai 1 di Andrea Fabiano non si degna di trovare idee e risorse per offrire agli abbonati uno show di 4/6 puntate in prima visione e pensato per il sabato estivo; la terza cosa che ci dice questo ennesimo flop è che la Rai deve trovare un direttore di Rai 1 migliore di Andrea Fabiano. 

Contrassegnato da tag , , , , ,

Andrea Vianello e Claudio Fasulo, due vice direttori di peso per Rai 1: un aiutone per il direttore Andrea Fabiano

Caro neo vice direttore di Rai 1 Andrea Vianello, con questa nomina finiranno le polemiche riguardo il tuo impiego in Rai dopo che sei stato sostituito da Daria Bignardi alla direzione di Rai 3. 

Eri finito a fare “l’editorialista per le tematiche politiche ed internazionali del Tg2” ma eri in attesa di una collocazione consona al tuo status (e stipendio) di dirigente di una Rai “ministeriale” in cui gli “status” devono essere rigorosamente rispettati. Come vice direttore di Rai 1 ti occuperai di attualità, costume, manifestazioni e nuovi format informativi con particolare attenzione al day time pomeridiano. Vedremo se saprai fare infotainment di qualità e di successo da contrapporre a Barbara D’Urso che spopola su Canale 5.

Continua a leggere

Contrassegnato da tag , , ,

La vita in diretta estate e la co-conduzione sgasata naturale della coppia Paolo Poggio e Benedetta Rinaldi 

Il postino  (o piccolo post)

La conduzione tv in coppia è una alchimia difficile da realizzare, se poi la coppia è formata da Paolo Poggio e Benedetta Rinaldi, allora diventa impossibile. La loro co-conduzione de La vita in diretta estate su Rai 1 è sgasata naturale. Lui sta nello studio televisivo di una rete generalista come ci sta un inviato di una rete all-news: non c’entra nulla. Lei è la Mia Ceran bruna, alla ricerca dell’empatia con il pubblico come può avercela un iceberg nel Sahara. Chi li ha messi insieme probabilmente puntava al Premio Nobel per la genetica avendo scoperto un nuovo esemplare: il RinalPoggio, ovvero, con 2 conduttori non ne fai 1 che ti tiene incollato allo schermo.

alcuni tweet di Caro Televip

Continua a leggere

Contrassegnato da tag , , ,

Con il ritorno di Corrado Guzzanti, La7 vince il telemercato estivo 2017

Il postino  (o piccolo post)

Corrado Guzzanti è una intelligenza che non può non essere presente in tv, fa vera satira senza sconti a nessuno e il suo ritorno con un programma anche solo di 5 minuti (dal lunedì al venerdì, da novembre a giugno dopo Otto e Mezzo di Lilli Gruber) è una notizia che nobilita la presentazione dei palinsesti 2017/18 di La7. L’editore Urbano Cairo nell’annunciare questo “acquisto” ha detto che è una delle idee su cui ha lavorato il nuovo direttore di rete Andrea Salerno. Lo applaudo. Ci sarà tempo per criticare tutte le altre proposte di La7 per la prossima stagione tv. Cairo è anche presidente del Torino Calcio e a quanto pare sa scaldare i cuori della tifoseria della buona tv come di quella calcistica (se non mi smentirà vendendo Belotti). Corrado Guzzanti in tv tutti i giorni nell’anno elettorale? Se durerà, ci sarà da divertirsi. 

Contrassegnato da tag , , , ,

Che ascolti farà Fabio Fazio su Rai 1?

È l’unica domanda che ha senso porsi in piena estate sul “caso Fabio Fazio” dopo aver tanto discusso sul suo nuovo contratto.

Le polemiche sui compensi del conduttore savonese non sono una novità di queste settimane. Negli ultimi anni ci sono sempre state. La novità è il suo passaggio da Rai 3 a Rai 1. Fabio Fazio è condannato a vincere la sfida degli ascolti nella prima serata della domenica. Come competitor principale avrà la soap opera spagnola Il Segreto su Canale 5. A rosicchiargli share ci saranno anche Le Iene su Italia 1 e le serie Usa su Rai 2. Competitors ampiamente battibili dalla posizione privilegiata in cui stavolta si trova. Ma per zittire i criticoni del suo super contrattone non dovrà solo vincerla quella sfida: dovrà stravincerla. Anche perché Rai 1 gli metterà a disposizione un impianto produttivo che non ammetterà giustificazioni in caso contrario. Su Rai 3 Fabio Fazio con Che tempo che fa ha raggiunto punte del 14%  di share. Su Rai 1 è lecito aspettarsi una share media fissa del 16%. Ma per essere un successo tale da zittire i criticoni dovrebbe avvicinarsi con continuità al 20% e nelle giornate con un super cast, superare il 20% di almeno 3 punti. In questa tv in cui Fabio Fazio si vanta di quanto fa incassare alla Rai con gli spot, i numeri contano più di ogni cosa. Dunque Fabio Fazio dovrà fare i grandissimi numeri che uno show in prima serata su Rai 1 può e deve fare. 

Contrassegnato da tag , ,

Camera Café, la sitcom che esalta i fannulloni aziendali, sarà una delle “novità” della Rai 2 di Ilaria Dallatana

il postino  (o piccolo post)

Camera Café è una delle novità annunciate con grande soddisfazione dalla direttrice di Rai 2 Ilaria Dallatana durante la presentazione dei palinsesti Rai. La “novità” è una nuova edizione di una sitcom lanciata da Italia 1 nel 2003 (5 stagioni). Camera Café è la sitcom che esalta i fannulloni aziendali che passano il tempo a fare scherzi e a mettere in mezzo i colleghi di lavoro ritenuti dei nerd. Il fatto che stavolta a trasmetterla sarà Rai 2, la rete Rai che più di tutte si vanta di aver fatto trasmissioni contro il bullismo, non la renderà meno sgradevole.

Contrassegnato da tag , ,

Per La vita in diretta estate, Franco Di Mare e la non barista non sono una delle coppie dell’estate 2017

Cara Benedetta Rinaldi, ieri hai tentato di condurre lo spazio gossip de La vita in diretta estate con questo risultato: hai posto domande a Guillermo Mariotto che non ti ha risposto ed ha fatto come gli pareva; hai posto domande a Marta Flavi che ti ha risposto ed ha fatto come le pareva da esperta conduttrice anche se la conduttrice avresti dovuto essere tu. 

Due servizi filmati hanno impreziosito questo blocco del programma. Il primo sulla coppia più sorprendente dell’estate 2017 quella composta dall’allenatore della Juventus Massimiliano Allegri e l’attrice Ambra Angiolini.

Continua a leggere

Contrassegnato da tag , , ,

Gypsy di Netflix stagione 1: tante situazioni aperte, troppe

Ho imparato a non fidarmi delle mie prime impressioni sulle serie originali Netflix. Troppe volte delle serie che promettevano benissimo mi hanno deluso: due su tutte Tredici (la finirò ma non smanio di farlo) Stranger Things (interrotta e non la finirò). Gypsy prometteva scintille ma poi si è rivelata una fiammella fioca. La storia principale ha tentato il decollo senza riuscirci e si è arenata in una estenuante ricerca del brivido soft-core senza mai raggiungerlo.

Continua a leggere

Contrassegnato da tag , ,