Ve lo ricordate il no al confronto TV tra Giorgia Meloni ed Enrico Letta? Valeva solo per la televisione tradizionale e non per la televisione sul web: oggi è andato in onda su Corriere TV.

Ho assistito al confronto tra Giorgia Meloni ed Enrico Letta su Corriere TV on line quello che secondo @AGCOMunica non si può fare su @RaiUno @RaiPortaaPorta e francamente non riesco a capire la differenza. Anzi, no. Una differenza c’è.

Si alimenta il digital divide. Chi ha il collegamento internet di alto livello e gli apparecchi per utilizzarlo ha potuto seguire in diretta il confronto. Chi non ce l’ha al massimo potrà seguire le selezioni fatte dalle redazioni di tg e programmi.

Due cose completamente diverse. La diretta offre pienamente il senso delle domande, delle risposte, delle repliche. Per chi si occupa di comunicazione è davvero inspiegabile che il confronto vietato per Rai 1 è stato consentito per Corriere TV.

Qualcuno di @AGCOMunica è in grado di spiegarlo? La legge prevede una differenza tra i confronti televisivi a due in onda sulla televisione e quelli sul web? Gli italiani che hanno potuto seguire in diretta il confronto sul web sono cittadini privilegiati?

Il confronto è stato molto interessante. I due leader hanno espresso le proprie posizioni in porzioni di tempo da 2 minuti e 30 per le risposte alle domande e di 1 minuto e 30 per le repliche. Ci sono stati anche significativi momenti di botta e risposta .

Perché il pubblico televisivo di Rai 1 non potrà seguire lo stesso confronto il 23 settembre? Perché quel confronto è contro la par condicio e quello di oggi sul sito web del Corriere della Sera no? C’è ancora spazio per vedere un Meloni-Letta su Rai 1?

L’Autorità @AGCOMunica rilascerà un comunicato stampa per spiegare perché il confronto a due tra Enrico Letta e Giorgia Meloni è stato possibile su una televisione web Corriere TV e non sarà possibile sulla televisione di stato Rai 1?

Pubblicità

Elezioni politiche 2022: AgCom dice no ad un unico “faccia a faccia” finale tra Giorgia Meloni ed Enrico Letta su Rai 1. Ora tutte le emittenti televisive rientrano in gioco. Ma i leader politici quanti e quali confronti tv accetteranno?

AgCom (l’Autorità per le garanzie nelle comunicazioni) nella riunione del 24 agosto 2022 si è pronunciata a sfavore di un unico confronto tv tra i due candidati principali alle elezioni perché “risulta non conforme ai principi di parità di trattamento e di imparzialità dell’informazione”.

Quindi, ad oggi, non si farà l’annunciato confronto 1 contro 1 tra Giorgia Meloni ed Enrico Letta organizzato da Rai 1 e previsto per il 22 settembre 2022 (il post di CaroTelevip del 21 agosto 2022). Bruno Vespa, che avrebbe dovuto moderarlo e che lo aveva lanciato in pompa magna, si è detto dispiaciuto.

Lui che una settimana fa usciva trionfante dall’annuncio del sì di Letta e Meloni oggi non è lo sconfitto dopo il no dell’AgCom. Ha comunque visto confermata la sua (e di Rai 1) importanza e autorevolezza da parte dei due leader che dopo le elezioni guideranno una delle coalizioni che governerà il Paese.

Continua a leggere

Referendum costituzionale: i dati del richiamo dell’Agcom a RaiNews 24 per il periodo 14/20 novembre 2016

Referendum Costituzionale: tempo dato dalla RaiNews 24 diretta da Antonio Di Bella a SI e NO nel periodo: 14 – 20 novembre 2016 fonte Agcom.

Tempo di parola 

SI: 1:05:05 51,7% – 51,7% 

NO: 0:59:17 47,1% – 47,1%

Tempo di notizia

SI: 2:19:54 – 58,3%

NO: 1:31:19 – 38,0%

Tempo d’antenna

SI: 3:24:59 – 56,0%

NO: 2:30:36 – 41,2%

L’Agcom ha ordinato a Rainews24 di riequilibrare entro la settimana in corso il tempo nei notiziari a favore delle ragioni del “No”.

La Rai vince il ricorso al Tar contro l’AgCom: Rai 3 ed i suoi programmi Che Tempo Che fa e In Mezz’ora non hanno violato le regole sul pluralismo televisivo a scapito del PdL