La primavera 2014 di Italia 1 all’insegna dell’auto-produzione: dai vecchietti arzilli tipo Amici Miei a Belen Rodriguez; dai pentiti della chirurgia plastica al ritorno di Piero Chiambretti

Caro direttore di Italia 1 Luca Tiraboschi, colpito dal risveglio dei sensi primaverili lanci una offerta di auto-produzioni che speri sia in grado di risvegliare la tua rete ed il suo pubblico. Con un video spartano di Qui Mediaset ci ha messo la faccia (era un bel po’ che non ce la mettevi) tralasciando le mega presentazioni aziendali che fate all’inizio della stagione autunno-inverno. Una immagine spartana che vuole accompagnare il concetto di rete leggera che si adatta alla stagione tv leggera.

Continua a leggere

Hellcats, una serie cancellata dopo la prima stagione e fin dalla prima puntata si capisce il perché

Caro direttore di Italia 1 Luca Tiraboschi, gli adolescenti che seguono i tuoi pomeriggi televisivi da ieri hanno un nuovo punto di riferimento a stelle e strisce: Hellcats. La prima puntata mi ha subito catturato per i profondi valori che esprime, a partire dall’agonismo esasperato che sfocia nell’invidia e nella cattiveria. Chi come me è allergico alle atmosfere canterine di Glee (dove non c’è nemmeno uno studente che tira fuori un fucile a pompa per fare una strage scolastica), è servito. Hellcats è una serie tv cattiva, cattivissima, quasi come Beautiful. Ecco arrivare Marti, la protagonista bionda del serial. E’ una ex ginnasta che ha fallito la carriera sportiva e si ricicla nell’universo acrobatico delle cheerleader per finanziarsi gli studi in legge. Continua a leggere

‘Sto classico e Quello che (non) ho, per me pari sono

Caro direttore di Italia 1 Luca Tiraboschi, come controreazione alla delusione che mi ha provocato la tv di qualità di Fazio e Saviano, ieri sera ho abbassato il livello delle mie pretese televisive e mi sono accontentato del livello di ‘Sto Classico, la serie di parodie letterarie che hai deciso di regalare al pubblico di Italia 1. Ieri avete messo in burla l’Odissea. E’ inutile dire che il primo pensiero è corso subito a Biblioteca di Studio Uno, storica trasmissione della Rai in bianco e nero con il Quartetto Cetra e i principali attori e personaggi della tv di allora. Il secondo pensiero è andato ai Promessi Sposi rivisitati dal Trio Solenghi-Marchesini-Lopez. Poi però, con il trascorrere dei minuti, il pensiero è andato alla Premiata Ditta e alle parodie di Buona Domenica. Continua a leggere

Sherlock e Nikita: sempre meglio che Ruffini e Belen

Caro direttore di Italia 1 Luca Tiraboschi, non mi capita spesso di seguire di filato la tua programmazione di prima e seconda serata. Ieri l’ho fatto e non me ne sono pentito. Hai trasmesso in prima visione tv il nuovo Sherlock che vive ai nostri giorni ma indaga con la tecnica della deduzione come il suo predecessore temporale ottocentesco. Il personaggio di Conan Doyle vive un momento d’oro anche al cinema con il secondo film della nuova era tutta effetti speciali e azione firmata dal regista Guy Ritchie. Continua a leggere