Un solo motivo per seguire Elementary

Cara Lucy Liu, il 3 febbraio Elementary avrà l’onore di andare in onda sulla Cbs dopo il Super Bowl, segno che la serie sta riscuotendo un grande successo. Anche in Italia Elementary sta andando bene. Lo trasmette in chiaro Rai 2 (la domenica alle 21.45) e i primi tre episodi sono stati visti in media da 2 milioni e 500 mila telespettatori per uno share medio dell’8.50%. Io sono tra questi, anche se confermo l’impressione avuta al Roma Fiction Fest quando ho visto il primo episodio in lingua originale; il vostro Sherlock Holmes (?) è troppo isterico per i miei gusti. C’è solo una cosa che rende interessante questa serie: il rapporto tra Sherlock Holmes (?) e la dottoressa Watson.

Continua a leggere

Lucy Liu al Late Show di Letterman per promuovere Elementary. Cara dottoressa Watson, Elementary non è Sherlock.

Cara Lucy Liu, sei andata al Late Show di David Letterman (trasmesso in Italia da Rai 5, puntata dell’11/10/12) per promuovere Elementary, il nuovo serial procedurale della CBS. Il buon Dave non è rimasto insensibile al tuo fascino, alla tua minigonna, al tuo fisico asciuttissimo e alla vertiginosa scollatura a V, bassissima. Mi è sembrato stranamente imbambolato, come di rado gli capita con un’ospite, al punto che per la prima volta ho visto in lui il Fabio Fazio che ospitò Carlà Brunì. Gli hai raccontato di quanto sei brava nella pratica delle arti marziali miste (coltello e bastone, in particolare) e lui ha limitato i suoi interventi, per non distrarsi troppo dalla tua visione. La conferma che era completamente in bambola l’ho avuta quando è passato a farti domande su Elementary.

Continua a leggere

Sherlock e Nikita: sempre meglio che Ruffini e Belen

Caro direttore di Italia 1 Luca Tiraboschi, non mi capita spesso di seguire di filato la tua programmazione di prima e seconda serata. Ieri l’ho fatto e non me ne sono pentito. Hai trasmesso in prima visione tv il nuovo Sherlock che vive ai nostri giorni ma indaga con la tecnica della deduzione come il suo predecessore temporale ottocentesco. Il personaggio di Conan Doyle vive un momento d’oro anche al cinema con il secondo film della nuova era tutta effetti speciali e azione firmata dal regista Guy Ritchie. Continua a leggere