La nuova Retequattro, in attesa di Piero Chiambretti e Roberto Giacobbo in prima serata: chi l’ha vista?

Caro amministratore delegato e vicepresidente Mediaset Pier Silvio Berlusconi, la rivoluzione che avrebbe dovuto rilanciare Retequattro per il momento è una battaglia persa, sia per quanto concerne gli ascolti che rispetto all’identità di rete.

Gli ascolti delle novità, Stasera Italia con Barbara Palombelli, Quarta Repubblica con Nicola Porro e W l’Italia con Gerardo Greco, sono tutti perdenti contro la concorrenza.

Ieri sera la Palombelli (4.76% sh) è stata doppiata da Lilli Gruber (8.07% sh) con il suo Otto e Mezzo su La7. Gerardo Greco (4.2% sh) è sotto di quasi 2 punti rispetto a Piazzapulita di Corrado Formigli (6% sh) su La7 (puntata di giovedì scorso). Ieri Nicola Porro (4.31% sh) sotto di 1 punto abbondante rispetto a Riccardo Iacona (5.67% sh) con Presadiretta su Rai 3 (fonte dei dati: davidemaggio.it). Dopo alcune settimane il nuovo corso della “nuova” Retequattro è un mega flop soprattutto se confrontato con la programmazione “vecchia” che ad oggi salva la rete: due esempi su tutti, Il Segreto, la soap opera spagnola trita e ritrita, che il mercoledì si attesta intorno al 6% di share e Quarto Grado che il venerdì supera il 6% di share. Caro amministratore delegato e vicepresidente Mediaset Pier Silvio Berlusconi, io registro solo la chiara tendenza che il pubblico di Retequattro non ha accolto in maniera positiva queste novità. Non ho strumenti approfonditi di analisi per valutare le tendenze e gli sviluppi futuri sui quali certamente farete affidamento. Da telespettatore ti dico che non ho alcuna pulsione “nuova” verso la “nuova” Retequattro e quindi non sono tra quelli che in futuro potrebbero alzare la media di questi nuovi programmi. Con una curiosità minima seguirò la prima puntata del nuovo programma di Roberto Giacobbo Freedom, oltre il confine, conduttore che non seguivo più nemmeno su Rai 2 perché la sua evanescenza e ripetitività spettacolarizzate mi disturbano. Con pochissima voglia seguirò anche il debutto in prima serata dell’ex televip prodigio Piero Chiambretti nel programma CR4-La repubblica delle donne. La sua vena creativa è finita da anni ma l’arrivo nella tua Mediaset l’ha definitivamente sepolta e nulla come il fatto che abbia accettato di fare una prima serata su Retequattro ne è la riprova. Caro amministratore delegato e vicepresidente Mediaset Pier Silvio Berlusconi, non credo proprio che Chiambretti e Giacobbo faranno ascolti in grado di dare un senso alla rivoluzione che avete previsto per Retequattro. Se sarà così, la tanto strombazzata “nuova” Retequattro dovrà tornare quanto prima ad essere come la “vecchia” Retequattro, perché l’unica cosa che conta a Mediaset sono gli ascolti, a dispetto delle dichiarazioni in cui dici di puntare sulla qualità editoriale.

Annunci

Una risposta a "La nuova Retequattro, in attesa di Piero Chiambretti e Roberto Giacobbo in prima serata: chi l’ha vista?"

  1. Ted (@Ben7Ted) 16 ottobre 2018 / 20:06

    Greco… vade retro… dopo il nefasto “Agorà”, ora successore di Fede!!!… Puahhhhhhhh… NAUSEABONDOOOOOO…

lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.