Brasile 2014: il mondiale più difficile per la Rai, in lotta con la forte concorrenza di Sky e con gli ingenti tagli di Matteo Renzi

Caro direttore di Rai Sport Mauro Mazza, so che in fondo, molto in fondo, al tuo cuore, condividerai il sentimento con cui da abbonato Rai mi appresto a vedere le 25 partite della Coppa del Mondo di calcio Brasile 2014 che trasmetterà la Rai. Ieri mentre scrivevo il post con il calendario di tutte le partite della fase a gironi, ho avuto un certo numero di flashback relativi alla mia storia di telespettatore dei mondiali di calcio.

Flashback di quando ero un bambino e poi un adolescente appassionato di calcio e calciatore di campionati FIGC dai giovanissimi fino all’Under 20 regionale.

Per quel bambino e ragazzo che ero, il mese dei mondiali di calcio era un mese sacro. Non mi perdevo una partita e la Rai di allora me le faceva vedere tutte. Oggi, da adulto, per vederle tutte non basta l’abbonamento alla Rai, ci vuole l’abbonamento a Sky. Da abbonato Rai ne vedrò 25 già scelte da voi per me. Non farò la vecchia, cara, abbuffata di calcio mondiale, quella fatta di colori delle maglie che si vedono solo ai mondiali, di calciatori dai nomi impronunciabili, di tifosi strampalati. La grande abbuffata dei mondiali è quella della fase a gironi durante la quale il telespettatore che li segue tutti vive una sorta di trance agonistica indotta dai ritmi partita incalzanti del calendario; finisce la partita del girone G e comincia quella del girone B; fatti un panino al volo che c’è la diretta di quella partita del girone E che a sorpresa è diventata importante perché quella squadra su cui nessuno avrebbe scommesso un centesimo è la rivelazione dei mondiali; no, stasera non esco perché gioca la squadra di “coso” contro la squadra di “chicchessia”, due squadre che stanno dando spettacolo. Caro direttore di Rai Sport Mauro Mazza, i tempi cambiano e oggi la Rai non è più in grado di sostenere i costi per mostrare ai suoi abbonati l’abbuffata completa dei mondiali di calcio. La FIFA, che li organizza, nel frattempo ha fatto salire i costi dei diritti televisivi a livelli stratosferici e agli abbonati Rai tocca uno stuzzichino anziché una abbuffata. La FIFA incassa cifre stratosferiche senza farsi troppi scrupoli e rinunciando al sentimentalismo di stare a pensare a tutto quello che per i bambini e i ragazzi di trenta/quaranta anni fa voleva dire vedere “i mondiali”. La FIFA, la federazione mondiale di calcio, non sa cosa siano i sentimentalismi visto che è nell’occhio del ciclone perché il Quatar avrebbe comprato l’assegnazione dei Mondiali del 2022. Caro direttore di Rai Sport Mauro Mazza, domani inizia la coppa del mondo di calcio Brasile 2014; “i mondiali”. Esattamente alla mezzanotte tra sabato e domenica scenderà in campo la nazionale italiana di calcio e nelle case sembrerà mezzogiorno di fuoco, un po’ per l’atmosfera mondiale e un po’ per il caldo. La Rai del 2014, che vive le stesse grandi incertezze che vive il Paese, racconterà “i mondiali” come saprà e come potrà. I tagli (dell’ultimo minuto!) alla spedizione Rai in Brasile sono stati drastici. La vostra testata dovrà dimostrare sul campo l’attaccamento alla maglia Rai in un momento in cui la Rai è nel centro del mirino dei tagli governativi. In qualità di abbonato, al grido “Forza Azzurri!” aggiungo il grido “Forza Rai!”, sperando di non essere deluso da entrambi. In qualità di blogger televisivo dico: “Ed io speriamo che la Rai se la cava”.

Annunci
Contrassegnato da tag , , , ,

3 thoughts on “Brasile 2014: il mondiale più difficile per la Rai, in lotta con la forte concorrenza di Sky e con gli ingenti tagli di Matteo Renzi

  1. jak ha detto:

    La Rai non è un’azienda privata … ma pubblica … ovvero proprietà degli ITALIANI … tutti … e in quanto pubblica il dovere dell’azienda e di chi la dirige
    era ed è …di fare servizio pubblico – tagliando inutili costi – anche di inutili commentatori – telefilm e spettacoli milionari fallimentari e di solo spirito commerciale.
    Trasmettere tutto il mondiale è servizio pubblico – la Rai aveva il dovere di non cedere i diritti già acquisiti.
    Vergogna !!!

  2. laskarlett ha detto:

    Grande come sempre Akio, ma io correggerei TRANS agonistica con TRANCE 😉 Si sa mai di ‘sti tempi che laggente equivoca! Ciao!

lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: