Gerry Scotti, dalle montagne di soldi di The Money Drop alle mazzette da 100 euro di The Winner is.

Caro Gerry Scotti, deve esserti avanzata qualche mazzetta da 100 euro di The Money Drop e allora la distribuisci a The Winner is (il sabato in prima serata su Canale 5). Il tuo nuovo game-people-talent-show si basa su una gara canora che però diventa solo il pretesto per dare ai telespettatori l’occasione quasi morbosa di curiosare nelle vite degli altri e domandarsi cosa farebbero al posto loro. Ci sono i concorrenti con delle storie toccanti come il disoccupato che finora ha vissuto con i genitori che da poco non ci sono più e la ragazza adottata che vuole aiutare il padre che ha perso il lavoro. Ci sono i concorrenti “fortunati” che non hanno bisogno dei soldi di uno show televisivo ma che davanti alla tua mazzetta da 10.000 euro tentennano; e non solo per esigenze televisive. C’è Rudy Zerbi, l’ex discografico ormai calato perfettamente nel ruolo di personaggio televisivo, che ti spalleggia quando ci sono delle belle concorrenti da lodare per la loro avvenenza. C’è la gara.

Continua a leggere

Affari Tuoi e The Money Drop non mi piaceranno mai

Caro Max Giusti, credevo che stavolta il ritorno su Rai 1 dei pacchi di Affari Tuoi non mi avrebbe provocato moti di stizza, perché nel frattempo Canale 5 ha saputo trovare un giochino televisivo che mi fa stizzire di più: The Money Drop. Hai smesso i panni dell’elegantone incamiciato per indossare dei maglioncini alla Marchionne; ogni sera di un colore diverso. Il Max Giusti style ormai è diventato il marchio di fabbrica della conduzione dei pacchi. Sono lontanissimi i giorni in cui l’euforia palpitante e vulcanica di Paolo Bonolis faceva intendere che nessun altro conduttore sarebbe riuscito a dare una impronta personale al programma. Continua a leggere

Il gioco con le mazzette da 1 milione di euro nel preserale di Canale 5

Caro direttore di Canale 5 Massimo Donelli, la stessa coerenza che hai messo nel sostituire Checco Zalone con Alfonso Signorini l’hai confermata mettendo Gerry Scotti al posto di Paolo Bonolis. Avanti un altro ti ha dato grandi soddisfazioni e quando tu sei soddisfatto emetti dei comunicati stampa come se fossi il produttore di Ben Hur dopo la vittoria degli 11 Oscar: Continua a leggere