Alice Tv, finito il rodaggio è diventata una piacevole realtà del digitale terrestre gratuito

Cara Francesca Romana Barberini, Alice Tv (insieme a Gazzetta Tv) è la emittente televisiva che sto seguendo con più interesse e soddisfazione in questo torrido luglio 2015.

Come già l’estate scorsa, sto apprezzando il vostro palinsesto, un giusto mix tra repliche e puntate inedite dei vostri format culinari. Nel deserto dei palinsesti estivi il vostro spicca per freschezza e varietà nonostante siate una rete tematica.

Continua a leggere

La prima, bella, estate di Alice Tv sul digitale terrestre. Una significativa perdita di esclusività per gli abbonati Sky

Caro produttore ed editore di Alice Tv Valter La Tona, la tua diatriba con Sky ha portato un significativo beneficio per i telespettatori del digitale terrestre gratuito, che è stato arricchito con quattro canali del tuo gruppo Lt Multimedia: Alice Tv, Leonardo, Marcopolo, Nuvolari. Chi come me seguiva Arturo Tv, ne perde uno ma ne acquista 3. Di Arturo Tv ho apprezzato i programmi con Laura Lattuada, Roberta Capua , le repliche di The West Wing, e perfino quello con Luce Caponegro. Non ho apprezzato il programma con Andrea Cocco.

Di Alice Tv (canale 221 del digitale terrestre) mi piace soprattutto la struttura snella e ben assortita del palinsesto, pur trattandosi di una rete tematica sul genere più inflazionato della tv: la cucina.

Continua a leggere

Bentornata Monica Bertini con Domenica Goal e A Tutta B su Sport Uno

Cara Monica Bertini, mi fa davvero piacere vederti di nuovo in video su Sport Uno (canale 60 digitale terrestre), uno dei tre canali nati dalle ceneri dei tre canali di Sportitalia. La nuova proprietà (il gruppo LT Multimedia) non poteva non ripartire da una delle conduttrici più amate e competenti di Sportitalia. I problemi relativi al passaggio dalla vecchia alla nuova proprietà non sono del tutto risolti. Molti giornalisti e tecnici sono ancora in attesa di collocazione. Vi siete temporaneamente trasferiti negli studi romani di LT Multimedia e fin dalle prime ore di messa in onda si capisce che la spending review è il primo obiettivo del nuovo editore. Lo studiolo da cui conduci A Tutta B ne è un tristissimo esempio.

Continua a leggere