Gypsy di Netflix stagione 1: tante situazioni aperte, troppe

Ho imparato a non fidarmi delle mie prime impressioni sulle serie originali Netflix. Troppe volte delle serie che promettevano benissimo mi hanno deluso: due su tutte Tredici (la finirò ma non smanio di farlo) Stranger Things (interrotta e non la finirò). Gypsy prometteva scintille ma poi si è rivelata una fiammella fioca. La storia principale ha tentato il decollo senza riuscirci e si è arenata in una estenuante ricerca del brivido soft-core senza mai raggiungerlo.

La ottima interpretazione di Naomi Watts alla fine si è spenta, sacrificata dalla ripetitività del personaggio e dalla inconsistenza della sceneggiatura. I 10 episodi della stagione 1 hanno il solo scopo di aprire tante situazioni, troppe, senza dare una sola soluzione e rimandando tutto lo sviluppo concreto alle prossime stagioni. Solo una svolta psico-thriller avrebbe potuto dare una scossa alla stagione 1. C’è un accenno psico-thriller ma arriva troppo tardi ed è un accenno, appunto. Unica perla la cover di Don’t Let Me Be Misunderstood eseguita da Cyndi Lauper che chiude l’episodio 4. Un po’ poco per essere considerata una serie top.

Annunci

lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...