Scherzo di Amici di Maria De Filippi ad Emma Marrone: anche Striscia la notizia dà il suo peggio

Caro vice presidente e amministratore delegato Mediaset Pier Silvio Berlusconi, quando un momento di televisione trash firmata Mediaset fa notizia vuol dire che la notizia c’è ed è clamorosamente al di sotto della media della bruttissima tv che trasmettete. Il programma del sabato sera di Canale 5 Amici di Maria De Filippi ha organizzato uno scherzo nei confronti della direttrice artistica, la cantante ex vincitrice di Amici Emma Marrone.

Lo scherzo consisteva in una serie di palpeggiamenti, toccate e strusciate (non solo con le mani ma anche con le parti intime) fatte da un ballerino mentre Emma Marrone provava una sua esibizione cantata.

Durante lo svolgimento dello scherzo, Emma Marrone prima fa le sue rimostranze al coreografo con una frase che rappresenta tutta la pesantezza dello scherzo “diciamo che me l’ha già appoggiato 5/6 volte” (a proposito di parti intime) e poi giustamente reagisce in modo deciso ed energico spintonando il ballerino e dicendogli “Ahò, ma sei cretino? Come que pasa, mancava la lingua in bocca e poi cioè non so. Io mi sono stancata” per poi abbandonare il palcoscenico, richiamata dalla regia “Emma! E’ uno scherzo!”. Il tutto rivisto in studio tra mille risate sguaiate del cast tra cui la cantante Elisa e l’attrice Ambra Angiolini da sempre molto impegnate in difesa delle donne. Lo scherzo è stato introdotto dalla ideatrice e conduttrice del programma Maria De Filippi con queste parole:

“Si tratta di un balletto a luci rosse Emma viene chiamata in studio ma un ballerino nostro complice si rivelerà molto attratto dal suo corpo”. 

Caro vice presidente e amministratore delegato Mediaset Pier Silvio Berlusconi, non ho visto il programma perché Amici di Maria De Filippi è veramente un brutto programma, sotto tutti i punti di vista, però il clamore suscitato dal “balletto a luci rosse” mi ha costretto a vederlo su wittytv.it la piattaforma mariana. Devo dire che è molto più sgradevole di tutto quello che ho letto sui social network. Quello che si vede in questo scherzo è una donna/artista che subisce un comportamento inaccettabile da parte di un uomo mentre sta lavorando. Il filmato ci dice che Emma Marrone non sapesse di essere vittima di uno scherzo. Il filmato ci dice che a fronte di una spiegazione da parte del coreografo sulla “fisicità” della coreografia, c’è la reazione della donna che non accetta quella “fisicità” e che ritiene di interrompere la sua esibizione /lavoro. Il filmato ci dice che poi in studio Emma Marrone ha riso e si è divertita a questo scherzo/balletto a luci rosse come tutto il resto del cast. Su twitter ho scritto ad Emma Marrone:

“Cara @MarroneEmma lasciare #amici16 sarebbe una giusta presa di posizione. Sulle molestie alle donne non si scherza”.

Non riesco nemmeno ad immaginare cosa possa significare per una donna subire delle molestie sessuali ma da uomo provo un profondo sdegno nel leggere che quello scherzo ha fatto scrivere questo post ad una donna che ha subito delle molestie sessuali sul serio e non per scherzo. Caro vice presidente e amministratore delegato Mediaset Pier Silvio Berlusconi, ad alimentare il mio sdegno ha contribuito la trasmissione di Medaset/Canale 5 Striscia la notizia, un tg satirico che delle sue battaglie sui temi sociali, sulle ingiustizie, sulle magagne, sul trash televisivo e tanto altro ancora, ha fatto il suo fiore all’occhiello. Striscia la notizia per bocca del consegnatore di tapiri d’oro Valerio Staffelli, anziché condannare “lo scherzo a luci rosse”, lo ha definito “uno degli scherzi più divertenti” e ha consegnato l’ambito riconoscimento a Emma Marrone che si è prestata da par suo per l’ennesima volta, dopo averlo fatto in studio, a scherzarci su:

Staffelli: ci racconta le sue emozioni in quei momenti
Emma: fortissime, le sentivo diciamo
Staffelli: sentiva le emozioni ma sentiva anche altro. Sora Maria! Ma come! Mi ha appena fatto entrare la nuova giudice e poi mi fa questi scherzetti? La sora Emma poi anzi credo che lei abbia voluto dimostrare in questo caso che con gli appoggi non si va avanti in televisione. Sono le doti che devono prevalere su tutto
Emma: con gli appoggi no
Staffelli: Io le do il tapiro perché ha fatto davvero molto ridere
Emma: Meno male almeno faccio ridere

Caro vice presidente e amministratore delegato Mediaset Pier Silvio Berlusconi, riguardo al concetto di scherzo abbinato alle molestie sessuali credo troverai molto interessante l’articolo di Giulia Siviero su ilpost.it che porta come esempio una recente sentenza in cui un uomo è stato assolto dall’ accusa di violenza sessuale perché “scherzava”. Ed è proprio “l’esempio” che dà uno “scherzo” come quello di Amici di Maria De Filippi che preoccupa. La rappresentazione di quei palpeggiamenti, a insaputa di Emma Marrone, ovvero non di scena come potrebbe essere in un prodotto di fiction, restituiscono al telespettatore un “effetto verità”. In quei momenti Emma Marrone, che non sa di essere vittima di uno scherzo, è vittima di un comportamento fisico da parte di un uomo che lei non accetta. Poi nel rivederlo legittima quel comportamento perché è uno “scherzo” e ne ride insieme a tutto il resto del cast di Amici per la maggior parte formato da donne. L’idea che mi sono fatto è che questo “scherzo a luci rosse” è uno dei momenti di tv più brutti della storia di Mediaset e mi auguro che vedendolo a nessun uomo/ragazzo possa mai venire in mente di emulare il ballerino di Amici e fare uno scherzo del genere. Perché una cosa così ad una donna non si fa nemmeno per scherzo.

Annunci

lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: