In Treatment su La7: complimenti per la resistenza a chi riuscirà a vedere tutte le 35 puntate

Caro Sergio Castellitto, in questi giorni sei il protagonista della campagna pubblicitaria del canale Sky Atlantic HD, un canale dedicato alle serie tv fatte di grandi storie, la cui importanza riassumi così:

“Le storie? La bellezza delle storie è che sono ovunque, in ogni angolo del mondo. Basta sapere ascoltare. E spesso sono lì, dove non ti saresti mai aspettato di trovarle. Hanno solo bisogno di essere raccontate. Ma quando abbiamo trovato la nostra storia, vorremmo, vorremmo che non finisse mai. Staremmo svegli anche tutta la notte soltanto per conoscerne un pezzetto in più. Ma non è forse questo che dovrebbe fare una grande storia? Entrarci dentro, diventare parte di noi, e accompagnarci; per tutta la vita”.

E a proposito di storie, nulla più di In Treatment (da ieri in prima visione in chiaro su La7, il martedì alle 21.15) dovrebbe rientrare in questa tua visione poetica.

In Treatment è già andata in onda su Sky ed è stata immediatamente inserita nelle serie di culto, quindi ieri ho seguito i primi episodi in chiaro con molta curiosità e con grandi aspettative: la curiosità se n’è andata e le aspettative anche. Le sedute psicanalitiche del dottor Giovanni Mari, da te interpretato, sono poco appassionanti e originali sia nei dialoghi che nelle interpretazioni caricaturali ed esagerate di un cast nettamente al di sotto delle prove migliori, composto da  Valeria Golino, Barbora Bobulova, Adriano Giannini, Irene Casagrande, Kasia Smutniak, Licia Maglietta e Guido Caprino. Ospite di Lilli Gruber a Otto e Mezzo hai detto che In Treatment ha avuto successo

“perché riporta alla parola il suo primato. Dentro la parola ci sono molte immagini. Dentro la parola c’è molta interiorità. E allora, abituati ad un ritmo di racconto così frenetico, così a tutti i costi spettacolare, In Treatment riconduce, come dire, la spettacolarità alla confessione, all’idea della confessione, all’idea di mormorare e di raccontare la propria vita. Io credo che andare in analisi, un po’ sia un atto in qualche modo egoico”.

Caro Sergio Castellitto, parole nobilissime, solo che le confessioni e le vite mormorate di In Treatment sono di una banalità e di una noia paragonabili a quelle della telenovela Legàmi mandata in onda da Rai 1. Chissà, forse mandando in onda un solo episodio da 25 minuti a settimana si potrebbe anche reggere ma vedere di seguito tre episodi di In Treatment non mi avvicina al magnifico e complesso universo della psicoanalisi. Seguendo In Treatment non ho avuto l’impressione di trovarmi davanti a grandi storie che “mi accompagneranno per tutta la vita” e costruite su “parole piene di interiorità” ma mi sono trovato davanti a una sceneggiatura didascalica al servizio della regia scaltra di Saverio Costanzo che gioca sul meccanismo del botta e risposta frenetico. Caro Sergio Castellitto, si, hai capito bene, ho detto frenetico, proprio quello che tu indichi come il primo limite dei racconti a cui la tv ci ha abituato negli ultimi anni. Io non vedo nessuna differenza tra il racconto frenetico e spettacolare degli incidenti della serie tedesca Squadra Speciale Cobra 11 e il frenetico ammasso spettacolare di parole con cui In Treatment racconta storie e tematiche che nella società contemporanea spesso sono messe in crisi dall’overdose di parole. Il più grande limite di In Treatment è di esaltare genericamente l’uso del dialogo terapeutico,  standardizzandolo per esigenze narrative e spalmandolo su 35 puntate. Esattamente quello che fa Uomini e Donne di Maria De Filippi.

Annunci
Contrassegnato da tag , , , ,

11 thoughts on “In Treatment su La7: complimenti per la resistenza a chi riuscirà a vedere tutte le 35 puntate

  1. giovanni69 ha detto:

    Caro Akio, la tua non è per niente un’opinione. è una critica supportata dalle motivazioni che hai ritenuto necessarie per supportare quello che dici. Il problema è che sei proprio fuori strada. In Treatment in questa versione italiana non è per niente banale, ma anzi uno dei migliori prodotti mai passati sullo schermo, con una sceneggiatura di impanto teatrale in cui i due personaggi giocano ogni volta una partita a scacchi sul filo della tensione psicologica (altro che le chiacchiere da parrucchiera di Maria De Filippi!). D’altra parte ci arriva da una serie americana, a sua volta basata su un format israeliano che ha tra gli sceneggiatori l’autore di “Un vazer con Bashir”, insomma ci sono belle teste dietro e gli adattatori italiani hanno fatto un ottimo lavoro per caratterizzare personaggi e situazioni per il pubblico italiano. E vorrei dire che anche la recitazione è superba, soprattutto da parte di Castellitto (che non credevo fosse così bravo, ammiratelo soprattutto nei silenzi) ma anche di Kasia Smutniak e degli altri. Siamo lontani anni luce dalle fiction che passano Mamma Rai e zia Mediaset, che fra l’altro hanno ricominciato a trasmettere telenovelas in prima serata…

    • akio ha detto:

      Caro Giovanni, i dialoghi del primo episodio con Giannini e la Bobulova sono scritti dagli sceneggiatori di Un valzer con Bashir? Che devono fà pè campà! E comunque, io esprimo un’opinione con le mie motivazioni, il mio gusto e la mia cultura televisiva tu ribatti e come vedi ho pubblicato tutti i commenti contrari alla mia opinione perché espressi con misura e correttezza anche se con decisione. Buona visione a tutti i fan di In Treatment. io non sono fra quelli.

      • giovanni69 ha detto:

        Grazie per la risposta. Volevo solo aggiungere, per gli estimatori del serial, una considerazione sugli ascolti. Sì, è vero, eravamo in pochi, ma non dimentichiamo che In Treatment è già passato su Sky e quindi è già “sfruttato”. Ora, in chiaro, va in onda su La7, che quando fa il 4% di share stappa bottiglie di champagne, ma è il prezzo che si paga per le scelte di qualità o quantomeno non allineate alla concorrenza. Poi, parliamo di un format che prevede ogni volta mezz’ora di dialogo in un unico ambiente, senza flashback, né altre azioni (tipo “Scene da un matrimonio” di Bergman)… Alcune persone con cui ho parlato e che hanno esperienze di psicolanalisi mi hanno detto di averlo trovato stancante, proprio perché vi hanno ritrovato lo stress mentale che si prova durante le sedute psocoanalitiche. Insomma, piuttosto impegnativo per il pubblico standard. Ricordiamoci che il bellissimo “Downtown Abbey” (al top come recitazione, sceneggiatura ecc) trasmesso su Rete4 (!) è stato un flop clamoroso. Ma la colpa mica è del telefilm…

      • akio ha detto:

        ecco, su Downton Abbey siamo perfettamente d’accordo. E comunque pur facendo poco di audice fa oltre il triplo di In treatment. Ma le motivazioni che ho scritto nel post le confermo. Dopo il tuo commento l’ho riletto ed ho visto altre due puntate. Mi annoia, che ci posso fare?

  2. daniela ha detto:

    sono pienamente d’accordo con pierpiero79

  3. pierpiero79 ha detto:

    Non condivido neppure una parola di quello che ha scritto l’estensore di questa “recensione”.Anzi, direi che la serie tv, che ieri ho seguito, ha tute le qualità che qui le vengono negate. Ma proprio tutte.

    • akio ha detto:

      caro Pierluigi, la mia non è una “recensione” ma solo una opinione, come la tua. Buona visione a te di In Treatment, io me la risparmio. Grazie, Akio.

lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: