SkyTg24 e la svista della messa in onda dell’intervista al figlio undicenne dell’uomo che ha sparato a due carabinieri davanti a Palazzo Chigi

Caro direttore di SkyTg24 Sarah Varetto, una tua giornalista ha pensato che fosse indispensabile andare ad intervistare il figlio undicenne dell’uomo che domenica scorsa ha sparato a due carabinieri in servizio davanti a Palazzo Chigi il giorno del giuramento del Governo Letta. L’intervista è andata in onda ed ha generato polemiche, proteste e un annuncio di apertura di procedimento da parte dell’Ordine dei Giornalisti. Leggo su digital-sat.it che “L’intervista, sarebbe andata in onda, secondo una ricostruzione fatta in ambienti redazionali della all news satellitare, a causa di una ‘svista di macchina’, possibile nel caso di un tg in onda per venti ore al giorno e rimossa immediatamente”. Il tuo commento sull’episodio invece l’ ho letto su huffingtonpost.it: “Appena ci siamo accorti, abbiamo deciso di interrompere subito la diffusione del video. Non lo faremo più passare in televisione e lo abbiamo tolto anche da internet. Questo perché abbiamo il massimo rispetto per il bambino e per la sua famiglia. Detto questo abbiamo mandato in onda il bambino con tutte le cautele possibili: c’era il permesso della madre e non era riconoscibile in volto, aveva anche la voce alterata”.

Caro direttore di SkyTg24 Sarah Varetto, non sono un giornalista e quindi affido a questo articolo del tuo collega Pino Bruno il compito di citare La Carta di Treviso. Per fortuna non sono nemmeno un abbonato Sky e quindi ho avuto il privilegio di non vedere questa intervista. Da blogger televisivo manifesto alcune perplessità tecniche su questo caso. La prima perplessità è quel tuo dire “appena ci siamo accorti”. Appena vi siete accorti? Chi ce l’ha mandata la giornalista e la troupe a casa del bambino? C’è andata di sua iniziativa senza che tu ne sapessi nulla? Ti sei accorta che una tua giornalista ed una tua troupe erano andati ad intervistare il figlio undicenne dell’uomo che domenica scorsa ha sparato a due carabinieri in servizio davanti a Palazzo Chigi il giorno del giuramento del Governo Letta, solo quando il servizio è andato in onda? E, ancora. Mi stai dicendo che a SkyTg24 non avete un “ispettore” di messa in onda che controlla che cosa state per trasmettere? Su ilpost.it (che cita una tua dichiarazione al Corriere della Sera) confermi: “E’ stata una svista imperdonabile, un errore per cui chiediamo scusa”. Una svista? Quindi il servizio dopo essere stato editato, montato e speakerato è stato inserito nelle macchine per la trasmissione a causa di una svista imperdonabile? Caro direttore di SkyTg24 Sarah Varetto, quando un responsabile commette un errore, le scuse sono sempre dimostrazione di umiltà, buonsenso e professionalità. Meno, molto meno accettabile, in questo caso, è il concetto di “svista”. Il lavoro dei giornalisti è un lavoro importantissimo. L’informazione, in una fase così delicata della situazione del Paese dal punto di vista politico e sociale, non può permettersi sviste così gravi. Io non sono un giornalista ma se fossi il direttore di SkyTg24, darei un senso pieno all’aggettivo imperdonabile con cui hai definito la vostra svista e mi autosospenderei in attesa delle decisioni dell’Ordine dei Giornalisti sul mio operato. Caro direttore di SkyTg24 Sarah Varetto, da appassionato dell’informazione televisiva, quando vedo sfrecciare i pulmini di SkyTg24 penso sempre: “stanno andando a fare un servizio importante per l’informazione”. Dopo la vostra svista imperdonabile di ieri credo che li guarderò con molta meno fiducia.

Annunci

2 risposte a "SkyTg24 e la svista della messa in onda dell’intervista al figlio undicenne dell’uomo che ha sparato a due carabinieri davanti a Palazzo Chigi"

  1. blue 30 aprile 2013 / 16:50

    sottoscrivo ogni sillaba….
    non è ammissibile come giustificazione e sarebbe ora che tutti si assumessero le loro responsabilità

    • akio 30 aprile 2013 / 21:30

      grazie blue e buon 1° maggio!

lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.