Quelli che il calcio: la lunga attesa che arrivi maggio

Cara very Victoria Cabello, non volendo cambiare la conduttrice, a Quelli che il calcio avete cambiato la scenografia. Anno nuovo e vita nuova di un programma che non aspetta altro di arrivare alla fine della stagione per chiudere un esperimento malriuscito. Più ti vedo alla sua conduzione e più penso che perfino Caterina Balivo lo avrebbe condotto meglio. Il Trio Medusa si sta smarcando sempre di più limitando al massimo gli interventi per non incorrere in quel numero di inquadrature minime che li inchioderà alla condivisione delle responsabilità di aver affossato il programma. Nel cast è entrato Bruno Pizzul che ha “scodellato” e “sciorinato”, “sul piano squisitamente tecnico e del palleggio”, il massimo dell’entusiasmo di cui l’edizione 2011-2012 di Quelli che il calcio potrà vantarsi. Che la trasmissione non creda più nei propri pochi mezzi lo testimonia l’imitazione sottotono di Ornella Vanoni fatta dalla brava Virginia Raffaele; una imitazione spenta, senza sprint, senza novità nella caratterizzazione di uno dei personaggi italiani più imitati nella storia della televisione italiana. Se poi per novità intendete la rappresentazione di una Vanoni botulinica, con l’idea fissa del sesso e incontinente, allora c’è da chiedersi una volta di più perché farne una imitazione. Cara very Victoria Cabello, ieri hai pensato di orchestrare un gran finale in cui Luca Giurato “ha fatto” Marco Travaglio. Li avevi entrambi ospiti e ad un certo punto ti sei avvicinata a Travaglio per introdurre la gag: “Tu sai di questo gossip che gira… che Giletti potrebbe prendere il posto di Santoro su Rai 2 il giovedì in prima serata… chi ci vedresti al posto tuo… se Giletti sta a Santoro… chi sta a Travaglio?”. Risposta: “… Giurato!”. Travaglio lo avevi utilizzato anche nel momento più trash dell’imitazione della Raffaele-Vanoni che si era anche lei avvicinata a Travaglio per dirgli: “Lei è un giornalista? Fa le inchieste? Mi sa dire dove sono i cessi in Rai?”. Travaglio se l’è cavata abbastanza bene: “La Rai non la frequento più da un annetto a questa parte. La faccio da un’altra parte. Non la faccio più in Rai”. Finalmente arrivano i titoli di coda sull’ennesima puntata approssimativa del tuo Quelli che il calcio. E’ il momento in cui Marco Travaglio consegna a Luca Giurato il suo moleskine con il pezzo previsto per Servizio Pubblico. La scritta sullo schermo gigante recita “Giurato legge Travaglio” e Giurato sottolinea l’importanza del momento con una frase che vince il premio come miglior battuta di Quelli che il calcio 2011-2012: “Guarda come mi tremano le mani, dopo cinquant’anni di giornalismo!”. Chiedi al cast di raggiungerti al centro del palcoscenico per dividere con loro questo ennesimo trionfo mancato del programma e quella vecchia volpe televisiva di Alba Parietti ti ruba l’ultima inquadratura facendo la svenevole abbracciata a Andrew Howe. Cara very Victoria Cabello, nulla come la magliettina estiva a righine biancorosse da marinaretta che hai indossato ieri, ci dice che vorresti tanto fosse già maggio. E invece ti toccherà metterci la faccia ancora per 4 mesi in questa trasmissione che non era, non è, e non sarà mai nelle tue corde. E pensare che un anno fa avevi avuto una felice intuizione e dichiaravi di volerti prendere una pausa per trovare nuove idee e fare un programma nuovo. Poi arrivò la proposta di Rai 2 alla quale hai ritenuto che non si potesse dire di no. Cara very Victoria Cabello, ad essere onesti va detto che la Rai ormai investe sempre meno sul calcio di cui le arriva la sansa mentre gli altri si pappano la crema extravergine della prima spremitura. Il tuo fallimento sarà funzionale a chi deciderà di rinunciare definitivamente a competere con Sky e Mediaset Premium. Non mi meraviglierei se questa fosse l’ultima edizione di Quelli che il calcio e a quel punto il tuo sacrificio non sarebbe poi così inutile. Se il prossimo anno Quelli che il calcio non sarà nel palinsesto di Rai 2, se ne accorgeranno in pochi perché già quest’anno è come se non ci fosse stato.

4 risposte a "Quelli che il calcio: la lunga attesa che arrivi maggio"

  1. viga1976 9 gennaio 2012 / 07:14

    l’unica cosa che rimpiango di fazio:il suo quelli che il calcio.E questa la dice già lunga.
    La Cobello,l’ho già scritto è un prodotto di mtv:trasgressivismo facilone,volgarità chic,da consumarsi in fretta e poi buttare al primo deposito.
    Urge una ristruttura al personaggio che ormai-come i vari trio medusa e compagnia varia-non hanno più niente da dire e da dare

    • akio 9 gennaio 2012 / 07:17

      infatti penso con questo post di aver chiuso l’argomento per quanto mi riguarda

      • viga1976 9 gennaio 2012 / 07:26

        e non può che finire così

lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.