#IoNonSpengoLaRai perché altrimenti dove lo vedo Beppe Grillo che si fa il selfie con Bruno Vespa in campagna elettorale

Cara presidente della Rai Monica Maggioni, l’attore comico Beppe Grillo dopo una parentesi come guru del Movimento 5 Stelle sta tornando lentamente alla sua attività di comico. Era dai tempi del monologo sulla delegazione al seguito del presidente del Consiglio Bettino Craxi in Cina che non mi faceva più ridere come mi ha fatto ridere ieri lanciando l’hashtag #IoSpengoLaRai perché a suo dire “È una tv fascista, censura le notizie“.

Su questo blog, critico la Rai in quasi tutte le sue scelte, ivi comprese quelle giornalistiche. RaiNews è uno dei miei bersagli preferiti su Twitter, anche se da quando non la dirigi più tu mi diverto molto di meno. Io posso permettermelo, Beppe Grillo no.

Il partito da lui fondato in campagna elettorale aveva fatto della battaglia contro l’informazione ed il sistema radiotelevisivo uno dei principali cavalli di battaglia. Beppe Grillo strillava come un forsennato che quelli del Movimento 5 Stelle non sarebbero mai andati in tv. Poi dopo aver fatto accomodare sulla poltrona di presidente della Vigilanza Rai Roberto Fico (uno dei 5 componenti del direttorio del movimento) i grillini hanno invaso la tv con la loro presenza per fare il loro Tale e Quale Show uguale a tutti gli altri politici. Il premier grillino in pectore Luigi Di Maio potrebbe trovare lo studio di Porta a Porta anche se partisse incappucciato da Quarto. Se è vero che l’informazione Rai non fa il cane da guardia del potere di Matteo Renzi è anche vero che la presenza dei grillini nelle trasmissioni e nei telegiornali Rai è esattamente quella che spetta al Movimento sulla base del risultato delle ultime elezioni. I grillini sono nel pastone del Tg1 con le frasette fatte come tutti gli altri politici. E non è un bel vedere. Cara presidente della Rai Monica Maggioni, il comico Beppe Grillo torna a fare il comico e lascia tutto lo spazio ai suoi grillini perché ormai secondo lui possono camminare con le loro gambe ed ha ragione: in tv fanno ridere molto più di lui. Se Matteo Renzi governerà per i prossimi vent’anni è anche per merito della loro comicità televisiva. Il populista Beppe Grillo dice che la Rai censura le notizie sfavorevoli a Matteo Renzi e al Partito Democratico. Da abbonato non sono per nulla soddisfatto di quanto e di come la Rai è sbilanciata a favore di Renzi, del suo governo e del suo partito. Ma #IoNonSpengoLaRai perché, nonostante i tantissimi difetti che descrivo e derido tutti i santi giorni, è la Rai, Radio Televisione Italiana e mi vengono i brividi nel sentire che un ex comico populista con un grande seguito elettorale vorrebbe spegnerla. E poi, la Rai non era già morta? Il decesso non lo aveva certificato Beppe Grillo? Beppe Grillo chi? Quello che si è fatto il selfie con Bruno Vespa durante la campagna elettorale andando ospite a Porta a Porta? No, #IoNonLaSpengoLaRai

Advertisements
Contrassegnato da tag , , , ,

lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: