La Rai nel 2015 come color che son sospesi, tra la nomina del nuovo CdA e la riforma annunciata da Matteo Renzi

Cara presidente della Rai Anna Maria Tarantola, mi piacciono gli spot con cui state invitando gli italiani a pagare il canone tv per l’anno 2015. Li avete suddivisi per argomento (intrattenimento, informazione, cinema, fiction, musica, cultura, radio) e mostrate le immagini e le voci delle produzioni più significative con lo slogan “il canone più basso d’Europa per l’offerta in chiaro più ampia d’Europa”.

Nessuno, guardando degli spot così ben confezionati, può negare la qualità di gran parte della produzione Rai. E allora perché ogni anno la vostra rassegna stampa è ricca di critiche severe alla vostra programmazione, soprattutto in riferimento alla funzione di servizio pubblico? La risposta che mi sono dato è che non riuscite a valorizzare i vostri prodotti di altissima qualità e che i prodotti di bassa qualità che producete sono più interessanti per il pubblico e voi lo assecondate per motivi di ricavi pubblicitari. Il 18 dicembre 2014 il CdA Rai ha approvato il budget per l’anno 2015, un anno che sarà però caratterizzato dalla fine del mandato del consiglio di amministrazione che presiedi. I prossimi sei mesi saranno i tuoi ultimi come presidente della Rai (e, forse, ti rimpiangerò). Il presidente del consiglio Matteo Renzi ha annunciato che ad aprile metterà mano alla riforma della Rai. Credo che, oltre a rimettere la tv dei ragazzi obbligatoria nel pomeriggio di Rai 1 con Rin Tin Tin e Heidi al posto della Vita in Diretta, provvederà anche a riformare la governance e quindi è facile prevedere che non vedremo la “nuova” Rai prima di due anni (se va bene) perché all’annuncio di Renzi dovrebbe far seguito la riforma della Legge Gasparri e poi le azioni del nuovo management saranno operative (se va bene). Ma tra tre anni (se va benissimo) ci saranno le elezioni politiche e allora non è detto che dopo di te vedremo questa “nuova” Rai. Cara presidente della Rai Anna Maria Tarantola, il 2015 per gli italiani si apre con il solito “odiatissimo” appuntamento con il pagamento della tassa sulla tv. La tassa più bassa d’Europa per l’offerta in chiaro più vasta d’Europa. Io pagherò il canone tv 2015 con la consapevolezza di sempre, ovvero che nella vastissima programmazione della Rai, in tv, in radio, sul web, ci sono tantissimi prodotti di qualità e di servizio pubblico, sconosciuti al grande pubblico, distratto da tantissime produzione Rai di bassa qualità.

Annunci
Contrassegnato da tag , , ,

lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: