Matteo Renzi all’inviato di Piazzapulita: “Lei è l’unico qui dentro che lavora alle nove di lunedì ma perché non lascia spazio ai quotidiani o ad altri?”.

Caro Corrado Formigli, l’inviato di Piazzapulita (La7) ha avuto un ruolo di primo piano durante la conferenza stampa tenuta dal segretario del Partito Democrativo Matteo Renzi, al termine del suo secondo “storico” incontro con Silvio Berlusconi. Renzi andava molto di fretta perché doveva prendere il treno per tornare a Firenze. L’incontro però era troppo atteso dai media per non rilasciare una dichiarazione. Così, si è presentato in sala stampa per dire che tra il PD e Forza Italia c’è profonda sintonia su tre temi: “riforma Titolo V, abolizione Senato elettivo e legge elettorale che rafforzi governabilità e bipolarismo e indebolisca il potere di veto dei piccoli partiti”. Non aveva voglia di andare oltre questa dichiarazione ma si è detto disponibile a rispondere ad un paio di domande anche se aveva la consapevolezza che sarebbero state inutili quanto le risposte. Perché?

Ovvio. Lui e Berlusconi hanno lanciato il sasso e ora aspettano le reazioni politiche. Inutile fare altre dichiarazioni, meglio aspettare le controdichiarazioni di Letta, Alfano, dei bersaniani, di Grillo e le considerazioni di editorialisti, politologi e sondaggisti. Però due domandine se l’è fatte fare lo stesso, tanto aveva già deciso la strategia della risposta mordi e fuggi con la scusa che doveva prendere il treno.
Con la sua solita determinazione (ancora più determinata da quando ha in mano il primo partito italiano) ha gestito direttamente le domande dei giornalisti. Si è rivolto all’addetto stampa “Filippo, due domande?” e Filippo ha chiamato una certa Angela di cui non ho capito cognome e testata perché non era microfonata. Renzi però la conosce ed ha anche capito che non si era sentita la domanda così ha indossato i panni del bravo presentatore “non so se avete sentito la domanda. Angela dice, si può parlare di un modello ispanico corretto?”. La risposta ovviamente non è arrivata perché ha invitato la stampa ad aspettare lunedì (oggi, n.d.r) quando renderà nota per iscritto la sua proposta di riforma elettorale.
Quindi ha spinto sull’acceleratore per chiudere l’incontro “Seconda e ultima domanda?”. Stavolta la voce proveniente dalla sala è stata più chiara “Rainews24. Silvio Berlusconi ha chiesto l’election day il 25 maggio…”. Renzi lo ha stroncato “Io trovo, come metodo di lavoro, che se avete delle domande da fare al presidente Silvio Berlusconi le fate al presidente Silvio Berlusconi. Se avete delle domande da fare a me le fate a me, sapendo che sto perdendo un treno e sono certo della vostra sensibilità umana. Ultima domanda?”.
Caro Corrado Formigli, a questo punto si è palesato l’inviato di Piazzapulita che non ha avuto molta fortuna visto che subito dopo la presentazione “Piazzapulita, al di là del modello in questione…”, Renzi con un sorrisetto l’ha interrotto ironizzando: “prima di Piazzapulita, cioè c’è stato un impegno esplicito a farlo prima di lunedì. Quindi lunedì alle nove. Quindi non fare domande che poi non…”.
In pratica Renzi, ha considerato superflua la presenza del tuo inviato tre giorni prima della messa in onda del programma. Ma l’inviato di Piazzapulita ha insistito: “Esatto, io vorrei sapere se al di là del modello che voi ci direte dopo, dato che i suoi elettori sono molto sensibili su questo, se ci saranno le preferenze o le liste bloccate”. Renzi a questo punto ha chiuso definitivamente il microfono in faccia a Piazzapulita: “Ma scusi lei, lunedì alle quattro ha il testo. E’ l’unico qui dentro che lavora alle nove di lunedì ma perché non lascia spazio ai quotidiani o ad altri?”.
Caro Corrado Formigli, non è certo andata meglio all’inviato di Agorà (Rai 3) che si è infilato subito dopo il niet a Piazzapulita che, nonostante la autopresentazione “ Agorà, Rai 3”, ha ricevuto questa risposta da Renzi “Agorà? Di quando è? Che giorno esce? Lunedì mattina? Si può fare. Un quotidiano dai, no, facciamo per i quotidiani”.
Caro Corrado Formigli, sabato è stato un pomeriggio intenso per tutti i giornalisti televisivi e della carta stampata. Tutte le testate erano a largo del Nazareno per immortalare l’ingresso dell’anticomunista Silvio Berlusconi nella sede del Partito Democratico. Niente da fare, non c’è l’immagine di Berlusconi con dietro il simbolo del PD gigantesco posto nel corridoio del palazzo. Così come non c’è una foto con la stretta di mano tra Renzi e Berlusconi a rendere immortale il patto della “profonda sintonia”. Dal punto di vista comunicativo Renzi e Berlusconi se la sono cantata e suonata; come sempre. Renzi con la conferenza stampa di cui sopra e Berlusconi con il solito videomessaggio. E tutte le testate a fare da megafono; come sempre. Fossi in te stasera nel tuo editoriale farai un accenno all’episodio che ha visto protagonista il tuo inviato e direi due paroline al super segretario Renzi, tipo: “Segretario Renzi, lei non si preoccupi di quando va in onda Piazzapulita. Quella era una conferenza stampa e quelle erano le nostre domande”. Caro Corrado Formigli, se un po’ ho imparato a conoscerti sono certo che qualcosa del genere lo farai. Non solo per difendere il lavoro dei tuoi inviati ma anche per ribadire al super segretario Renzi che un programma televisivo settimanale come Piazzapulita ha diritto ad una risposta anche se va in onda tre giorni dopo.

Annunci

3 risposte a "Matteo Renzi all’inviato di Piazzapulita: “Lei è l’unico qui dentro che lavora alle nove di lunedì ma perché non lascia spazio ai quotidiani o ad altri?”."

  1. Mauro 21 gennaio 2014 / 05:41

    Lo avrebbe capito anche un bambino, l’inviato di Piazza Pulita no? Secondo me lo ha capito benissmo anche lui, ma hanno bisogno di farsi un po’ maltrattare per far la parte delle vittime immolate all’altare della democrazia

  2. viga1976 20 gennaio 2014 / 10:58

    quasi quasi provo un minimo di simpatia per quel toscanaccio.. Ma se a uno dico: aspetta lunedi.Gli altri hanno problemi di udito?

    • akio 20 gennaio 2014 / 11:27

      effettivamente quando fa così è spassoso

lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.