Un sabato pomeriggio di agosto a TgCom24: Luca Rigoni, Silvia Vada, la molecola responsabile delle scottature e poi pure Vittorio Sgarbi e Narciso

Caro Luca Rigoni, sabato scorso ho seguito una breve ma intensa porzione del Pomeriggio di TgCom24 da te condotto. Avevi in collegamento la tua collega Silvia Vada, inviata sulla spiaggia di Forte dei Marmi. Il meteorologo Daniele Izzo di meteo.it aveva appena spiegato in dettaglio tutti i tipi di raggi solari e tutti i fattori di protezione delle creme in relazione a tutti i tipi di pelle. Silvia Vada con quel suo solare modo di fare vi ha redarguito: “Ma voi siete antichi! Dovete modernizzarvi! Non guardate i miei servizi su Studio Aperto e Tg4!”. Quindi ha genericamente detto che un gruppo di scienziati ha scoperto la molecola responsabile delle scottature sulla pelle umana che rivoluzionerà le creme di protezione esistenti.

Davanti alla testimonianza giornalistica di Silvia Vada che cita un gruppo di scienziati ti sei sentito in dovere di fare un mea culpa e, prima di lanciare la pubblicità, hai detto: “Ammetto di essere stato un po’ funambolico nel passare dagli scenari internazionali con Sergio Romano alle creme solari, ma l’estate è anche questa”. Al rientro in studio avevi ancora in collegamento il meteorologo Daniele Izzo di meteo.it che mi è sembrato meno incline di te ai mea culpa nei confronti di Silvia Vada e al quale hai ridato la parola cercando di addolcirgli la pillola: “Siamo stati un po’ rimproverati dalla collega Silvia Vada…”. Il meteorologo Daniele Izzo non era arrabbiato come credevo ma ha tenuto a precisare con una certa determinazione che secondo lui ci vorrà un bel po’ di tempo prima che la scoperta di questa nuova molecola produca i suoi effetti. Izzo ha detto che è importante utilizzare le creme esistenti ed ha ribadito che queste sono efficaci perché ampiamente testate e sperimentate secondo i criteri da lui ben spiegati qualche istante prima che Silvia Vada facesse il suo intervento. Caro Luca Rigoni, stavo per uscire ma mi hai inchiodato alla tv con il nuovo argomento del tuo Pomeriggio di TgCom24: “I narcisi nella Rete”. E chi avevi in collegamento? Vittorio Sgarbi, che ha esordito stroncandoti il tema: “Io non conosco questo Narciso, conosco Vittorio”. Non ho potuto rimanere ulteriormente alla visione del tuo Pomeriggio di TgCom24 e mi è dispiaciuto perché dopo i narcisi della rete era previsto il delicato tema del sovraffollamento delle carceri. Sono certo che senza i contributi di Silvia Vada e Vittorio Sgarbi te la sarai cavata alla grande.

lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.