Il royal baby non fiacca la resistenza della nuova Rainews24 di Monica Maggioni. L’inviata Silvia Rita ci racconta la voglia di parto naturale di Kate.

Cara direttore di Rainews24 Monica Maggioni, è ormai questione di ore, di minuti, e l’attesa per la nascita del royal baby di William e Kate finirà. Un’attesa che ha piegato ma non spezzato la resistenza delle tue inviate; dopo Liana Mistretta hai spedito a Londra Silvia Rita che si sta producendo in esercizi giornalistici difficilissimi, di cui un direttore del tuo livello non può non andare fiera. Ieri, nel collegamento in diretta fatto dal marciapiede di fronte all’ospedale dove dovrebbe avvenire il parto reale, Silvia Rita, ci ha informato sulle solite indiscrezioni lette sul Sun (il prestigio di una testata si vede da questi piccoli dettagli. Sono capaci tutti a leggere il Sun dallo studio di Roma! Il difficile è leggere il Sun da un marciapiede londinese!).

Il collegamento è stato completato con l’intervista che Silvia Rita ha fatto ad un fotografo che sta lì da 11 giorni e lei gli ha chiesto: “Sei stanco?”. Ma Silvia Rita non è andata a Londra solo per fare i collegamenti in diretta. Silvia Rita è andata a Londra anche per fare dei servizi intitolati Una cameretta da royal baby e Kate vorrebbe un parto naturale. Quest’ultimo servizio è la dimostrazione che la vecchia scuola del giornalista sul campo è imbattibile. Silvia Rita passeggia in strada con il suo taccuino con i fogli al vento. Appunti preziosissimi che le hanno consentito di farci questo racconto che merita di essere riportato ad uso degli studenti di giornalismo:

“Kate sogna un parto naturale e il messaggio che lancia alle mamme del ventunesimo secolo, alle partorienti del ventunesimo secolo, è: fatelo da sole, se ci riuscite. Noi immaginiamo che questo consiglio proveniente da una giovane donna, da una futura mamma tanto amata, che piace così tanto, sia in Inghilterra sia fuori dalla Gran Bretagna, potrebbe essere seguito da tante future mamme. Kate comunque si è preparata in modo tale che possa avere un parto, si, naturale, ma il meno doloroso possibile”.

Il servizio di Silvia Rita prosegue spiegando in dettaglio la tecnica di parto naturale scelta da Kate, come nemmeno Medicina 33 sarebbe in grado di fare, arricchito anche da una perla giornalistica per chiudere questo contributo giornalistico da Londra:

“La regina Elisabetta II invece preferisce il parto in acqua. Ha visitato un ospedale di Cambridge ed è rimasta impressionata dal fatto che in quel reparto si usasse questa tecnica e l’ha consigliata a Kate ma noi non sappiamo se in effetti Kate si è fatta affascinare da questo metodo un po’ new age. In ogni caso sappiamo che Kate si affida totalmente ai suoi medici, due ginecologi. L’ex ginecologo reale che curava la regina che sarebbe dovuto andare in pensione di qui a poco ma ha rimandato proprio per seguire Kate e poi c’è l’attuale medico della regina e Kate non rifiuterà sicuramente, se glielo consiglieranno, qualche antidolorifico, una blanda forma di anestesia. Facciamo qualche piccolo accenno storico per ricordare che la regina Vittoria fu la prima donna della famiglia reale che decise per l’anestetico durante il parto. Dopo otto figli partoriti con dolore non ne poteva più e quindi niente parto naturale ma un po’ di anestetico”.

Cara direttore di Rainews24 Monica Maggioni, avevo delle perplessità sulla tua direzione di questa testata Rai, un tempo da me tanto amata, ed oggi so che alle peggiori perplessità non c’è mai fine. Ai miei occhi, Rainews24 si può salvare dal ridicolo solo se Silvia Rita sarà la prima dell’universo a dare la notizia della nascita del royal baby.

Annunci

lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.