Tolgo Canale 5, Italia 1 e Retequattro dai tasti 4, 5 e 6 del telecomando

Caro vice presidente Mediaset Pier Silvio Berlusconi, non credo di essere più nel target commerciale delle vostre reti generaliste gratuite perché per me è diventata una rarità guardarle. Da svariati mesi ci passo solo di sfuggita durante lo zapping. Canale 5, Italia 1 e Retequattro per me potrebbero anche sparire dall’etere e io me ne accorgerei quasi per caso e senza rimpiangerle. I tuoi inserzionisti non possono contare su di me come acquirente da voi consigliato all’acquisto dei loro prodotti. Forse rientro nel target commerciale delle tv a pagamento di Mediaset Premium ma questo non lo sapremo mai né tu e né io perché non ho nessuna intenzione di abbonarmi. Visto il mio scarso interesse per la vostra programmazione sto pensando di cambiare l’ordine dei canali sul mio telecomando. Il tasto numero 4 è davvero sprecato per Emilio Fede e Salvo Sottile; non mi interessano. Penso proprio che al tasto 4 ci metterò Rai News. Il tasto 6 l’ho usato l’ultima volta per vedere Chiambretti che faceva la televendita dell’ultimo album di Laura Pausini (anzi no, ho dato anche uno sguardo a Belen); sono ancora incerto se metterci Rai Movie, Cielo, Rai Storia o addirittura Real Time. Sulla sostituzione di Canale 5 non ho dubbi: il tasto 5 del telecomando è di diritto di Rai 5. Questa estate mentre voi trasmettevate le soap opera svedesi e tedesche ho detto basta a Canale 5 e l’inizio della nuova stagione autunnale non mi ha fatto cambiare idea. Caro vice presidente Mediaset Pier Silvio Berlusconi, nei giorni successivi alle dimissioni di tuo padre come presidente del consiglio, da più parti si è scritto che c’era preoccupazione per il futuro di Mediaset. Nei giorni precedenti a quelle dimissioni il vostro titolo è arrivato a perdere il 12% in una sola giornata. Io penso che se Mediaset avrà una crisi irreversibile sarebbe ingiusto far ricadere anche questa colpa sulle spalle di papi-Silvio la cui caduta metterebbe in crisi il consolidato meccanismo di sopravvivenza delle sue aziende. Sono convinto invece che la Mediaset generalista gratuita sia invecchiata e che abbiate scelto di buttarvi sulle offerte a pagamento impoverendo sempre di più l’offerta generalista gratuita al fine di invitarci a pagarvi i contenuti. Caro vice presidente Mediaset Pier Silvio Berlusconi, pessima strategia aziendale. Questa crisi è una lunga crisi strutturale. La gente non spende i suoi soldi per vedere la tv. Ma voi sembrate essere sicuri che questa tv generalista gratuita, così com’è, vi garantirà la sopravvivenza e continuate a bearvi dei successi di C’è Posta per Te di Maria De Filippi con dichiarazioni come queste di Massimo Donelli, Direttore di Canale 5: “Dieci sabati, dieci successi, dieci con lode a “C’e’ posta per te”. Anche quest’anno, infatti, in un quadro competitivo che, con il passaggio ormai quasi definitivo al digitale, si è fatto ancora più difficile, Maria De Filippi ha confermato la leadership assoluta del suo amatissimo programma, e ha regalato a Canale 5 un filotto molto importante, premiato dalla fedeltà del pubblico e dalla piena soddisfazione degli investitori pubblicitari. E, naturalmente, il programma tornerà nel settembre 2012″ (dal comunicato stampa Mediaset). Ecco, continuate a vivacchiare su quel naturalmente. Naturalmente Maria De Filippi, naturalmente Kalispera, naturalmente Barbara D’Urso, naturalmente il Grande fratello, naturalmente Claudio Brachino, naturalmente Studio Aperto, naturalmente Federica Panicucci, naturalmente Verissimo, naturalmente Salvo Sottile. Naturalmente io ho appena deciso definitivamente di cambiare la vostra collocazione sui tasti del mio telecomando. Metterò il trio Canale 5, Italia 1 e Retequattro tra Rete Oro e Idea Tv.

16 risposte a "Tolgo Canale 5, Italia 1 e Retequattro dai tasti 4, 5 e 6 del telecomando"

  1. liberamente80 24 novembre 2011 / 21:00

    …ci sarà una flessione.
    Quando tutta l’Italia sarà passata al digitale terrestre forse Maria non farà più dieci filotti.
    Diamogli corda. Si impiccheranno da soli! 🙂

    chiedo a mia madre (Sicilia ancora fuori dal digitale terrestre, quel poco che si prende fa le bizze e mio padre si farebbe sparare piuttosto che abbonarsi a MP)
    perchè ha la tv sintonizzata su canale5, mi risponde che non c’è null’altro da guardare … porella!

    [comunque mi mancano le faccine di splinder, a volte un emoticon vale più di 10 parole ahahah. E mi manca il poter enfatizzare una parte del commento con il grassetto-corsivo-sottolineato]

    • akio 25 novembre 2011 / 08:39

      è arrivato poi il tuo commento. comunque dipendeva da wordpress perchè io ti ho messo fra i commentatori che non hanno bisogno di moderazione. le faccine! è vero! wordpress non ha le faccine. il grassetto corsivo sottolineato forse dipende dal template. ciao liberamente!

  2. Massenzio 24 novembre 2011 / 12:03

    Ciao Akio! Bella la casa nuova, chapeau!

    Sul tema: ormai quei canali sono come la carne lessa avanzata dopo il brodo dei premium, dove tra squintalate di spot ogni tanto c’è uno spezzone di programma, sempre più vecchio ed uguale a se stesso. Non valgono, i tre canali, neppure i soldi della corrente….

    • akio 24 novembre 2011 / 14:01

      carissimo amico, eccoti finalmente. ti stavo aspettando per l’inaugurazione ufficiale! corro a vedere come ti sei sistemato tu ed il tuo splendido fiume di post intelligenti, ben scritti e commentatissimi.

  3. Massenzio 24 novembre 2011 / 12:00

    Ciao Akio! Arrivo da una casa nuova -e con nuovi documenti..- anch’io, ma la tua è bellissima, davvero. Chapeau!
    Per quanto sono inzuppati di spot sempre più volgari e/o stupidi, non vale assolutamente perderci tempo. Loro stessi li hanno ammazzati proponendo la carne avanzata dopo aver prodotto il brodo per le reti premium

    • akio 24 novembre 2011 / 14:02

      pur togliendoli dalle prime file del telecomando avendo un blog sulla tv mi toccarà buttarci uno sguardo… ma ieri facevo questa riflessione… per me se mediaset c’è o non c’è non me ne importa nulla

  4. Tecla 24 novembre 2011 / 11:30

    Da un mucchio di tempo i tasti 4 e 6 erano destnati ad altre reti, da qualche mese anche il 5 ha cambiato destinazione.

  5. viga1976 24 novembre 2011 / 11:20

    ma io ,a essere sinceri è da un po’ che tengo raisport 1 sul 4 rai news sul 5 e rai sport 2 sul 6
    Anche se poi so sempre fermo sul 1691:rai movie

    • akio 24 novembre 2011 / 11:26

      effettivamente ho impiegato un po’ troppo tempo a prendere questa decisione… chissà poi perchè visto che è da anni che mediaset trasmette sempre le stesse cose. boh e pure mah

  6. Alessandra 24 novembre 2011 / 09:32

    Naturalmente hai descritto molto bene il processo di disaffezione di un telespettatore tipo da Mediaset. In molti, anche se non poi tanto appassionati di quelle reti, pian piano stiamo migrando verso i canali che hai indicato nel post. Mi sembra un buon inizio per il futuro della TV.
    Ciao Akio e benvenuto su wordpress 🙂

    • akio 24 novembre 2011 / 11:25

      ale! ti stavo aspettando lo sa che a me mi piace settembre!

  7. Francesco (@il_letterino) 24 novembre 2011 / 08:58

    Da grande appassionato di TV e, un tempo, di Mediaset stessa, devo concordare. Anche perché imho, finito Berlusconi, è finita Mediaset, e finita la TV come l’abbiamo concepita finora. Ho grandi aspettative per il futuro della TV. Mediaset (premium e secundium) è obsoleta, il DTT è obsoleto. Senza i signori B. finalmente ce ne accorgeremo.

    • akio 24 novembre 2011 / 09:10

      benvenuto francesco anche qui. E’ un piacere averti tra i commentatori di caro televip! come sempre “pochi ma buonissimi”.

      • Francesco (@il_letterino) 24 novembre 2011 / 15:20

        troppo bbuòno, come diceva Ciro Ferrara in un vecchio (ma mica tanto) spot.
        Fralaltro, mi congratulo anch’io per la nuova grafica!
        Già che ci sono volevo condividere anche la mia numerazione del digitale terrestre di quando abitavo a Roma (che ora sono in Culandria dove il DTT arriverà nel frollantamilaetrequindici). Avevo già tolto C5, I1 e R4 dalle loro canoniche posizioni, non già per punirli (subconsciamente sì) ma per premiare il bouquet Rai che meritava. Ho dedicato quindi la prima decade alla Rai, la seconda a Mediaset
        e la terza a La7-L’Espresso, e le restanti decadi le ho organizzate per tema.
        Se dovessi riorganizzarli oggi sicuramente scambierei seconda e terza decade. Non andrei oltre, perché qualcosa di Mediaset ancora lo guardo (continuo a preferire Striscia la Notizia a Lilli Gruber e, ovviamente, ai disgustosi Affari tuoi/Soliti Ignoti/qualunque altra roba deprimente porterà Pupo la prossima stagione; e poi ci sono i Bellissimi di Rete 4 che ancora si salvano).

lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.