Canone Rai 2016 in bolletta, il consiglio di Caro Televip: mettete da parte 10 euro al mese fino a luglio perché la prima rata sarà di 70 euro

Cara presidente della Rai Monica Maggioni, le associazioni dei consumatori sono preoccupate per come sarà applicata la legge sul pagamento del nuovo canone Rai nella bolletta elettrica voluta dal governo di Matteo Renzi. Il 2016 sarà un anno di transizione perché devono essere messi a punto tutti gli aspetti tecnici che non coinvolgono più solo l’Agenzia delle Entrate e la Rai ma anche i vari gestori di energia elettrica.

Mi fa un certo effetto essere a metà gennaio e non dover aspettare il bollettino di conto corrente con la letterina di cortesia della Agenzia delle Entrate che mi intima di pagare. Mi fa un certo effetto non vedere gli spot creativi con cui ogni anno di questi tempi la Rai ci diceva quanto eravamo fortunati a pagare entro il 31 gennaio “il canone tv più basso d’Europa”.

Sono certo che mi farà un certo effetto anche pagare in pieno luglio i 70 euro della prima rata prevista in questa fase di transizione. Io il canone l’ho sempre pagato indossando il cappotto al freddo e al gelo ed è una novità elettrizzante pagarlo indossando il calzoncini corti e con il Calippo in mano. Sul sito abbonamenti.rai.it è pubblicata la “Sintesi della normativa approvata con la legge di stabilità 2016”:  

“Per il 2016 il canone annuo ordinario è stato ridotto a 100 euro.
E’ confermato che il canone ordinario è dovuto da chiunque detenga un apparecchio atto o adattabile alla ricezione delle trasmissioni televisive. La detenzione dell’apparecchio si presume nel caso in cui esista una utenza per la fornitura di energia elettrica nel luogo in cui un soggetto ha la sua residenza anagrafica.
Il pagamento del canone avviene mediante addebito nella fattura per i titolari di utenza di fornitura di energia elettrica. In ogni fattura sono addebitate le rate mensili scadute. Al fine del calcolo delle somme da addebitare, l’importo annuo del canone è suddiviso in dieci rate mensili.
La dichiarazione di non detenere apparecchi deve essere tassativamente resa nelle forme previste dalla legge, ha validità per l’anno in cui è presentata ed espone a responsabilità penale in caso di mendacio. Le modalità di presentazione della dichiarazione di non detenzione del tv saranno definite con provvedimento del Direttore dell’Agenzia delle entrate. Il canone è dovuto una sola volta per tutti gli apparecchi detenuti nei luoghi adibiti a propria residenza o dimora dallo stesso soggetto e dai soggetti appartenenti alla stessa famiglia anagrafica.
Limitatamente al 2016, il primo addebito di canone avverrà nella prima fattura elettrica successiva al 1 luglio 2016. L’importo del canone è indicato nella fattura con una distinta voce. Non è più consentita la disdetta dell’abbonamento richiedendo il suggellamento degli apparecchi. La legge prevede la costituzione di un fondo per l’ampliamento sino ad euro 8.000 annui della soglia reddituale per l’esenzione a favore dei soggetti di età pari o superiore a 75 anni. Le modalità di fruizione dell’esenzione saranno stabilite con d.m.” (dal sito abbonamenti.rai.it)

Cara presidente della Rai Monica Maggioni, anche per voi della Rai ci sarà un problemino quest’anno. I primi soldi del canone li prenderete a luglio. Fino ad allora vi dovrete arrangiare senza. Non mi interessa proprio sapere come farete, basta che non vi sentirò lamentarvi. Un problema più grande in questa prima applicazione ce l’avremo noi utenti che ci ritroveremo una bolletta della corrente non con i 20 euro in più a bimestre previsti nella situazione a regime ma con ben 70 euro da sommare al consumo energetico. Insomma, i vantaggi della spalmatura del canone in cinque comode rate bimestrali da 20 euro diventeranno tali solo a partire da gennaio 2017. Il mio consiglio ai lettori di Caro Televip è di mettere 10 euro al mese fino a luglio in un bel salvadanaio con la etichetta “Canone Rai 2016” per allenarsi anticipando i benefici della nuova legge e per non smaniare al caldo di luglio a causa di una bolletta salata della corrente in un periodo dell’anno in cui di solito si paga di meno. A proposito di salvadanaio. Mentre il nostro salvadanaio si svuoterà ogni anno, il vostro pare che si arricchirà di 420 milioni di euro in più ogni anno e l’evasione del canone sarà quasi azzerata. Speriamo che l’azienda Rai sappia essere all’altezza sotto tutti i punti di vista, gestionale, informativo e televisivo, di questi straordinari vantaggi di cui beneficerete rispetto alla concorrenza.

Annunci

One thought on “Canone Rai 2016 in bolletta, il consiglio di Caro Televip: mettete da parte 10 euro al mese fino a luglio perché la prima rata sarà di 70 euro

  1. akio 14 gennaio 2016 / 10:56

    Ted mi dispiace ma qui non è consentito augurare a nessuno che dei soldi vadano in medicine. Su questo blog si esprimono opinioni anche pepate ma sempre con correttezza e senza augurare del male a nessuno. Se vuoi riformulare la tua risposta sarò lieto di approvare.

lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...