Matrix in prima serata sulla crisi della Grecia: sono stato ad un passo dal vederlo

Caro Alessio Vinci, hai bisogno di farlo; ogni tanto devi tornare a scendere in strada come ai tempi in cui ti collegavi da tutto il mondo per la CNN. Ieri sera hai condotto Matrix in diretta da piazza Syntagma, il cuore della protesta popolare greca (per essere precisi a piazza Syntagma c’era una tua inviata, tu eri su una bella terrazza con vista sul Partenone illuminato). Canale 5 ti ha regalato la primissima serata mandandoti contro il Festival di Sanremo; una scelta sorprendente. E’ come se Mediaset avesse riscoperto uno dei grandi vantaggi che ha rispetto alla Rai: la possibilità di cambiare il palinsesto come e quando vuole. Il tuo grande estimatore Pier Silvio Berlusconi si sarà improvvisamente ricordato che Canale 5 è una rete ammiraglia che non può lasciare l’immenso mare dei telespettatori in balia delle onde del festival della canzone italiana. Ieri sera hai svolto un compito importante, ieri sera tu e Mediaset avete fatto televisione, offrendo al pubblico una alternativa concreta pensata per il pubblico e senza pensare agli ascolti. Il tuo grande estimatore Pier Silvio Berlusconi avrà sulla scrivania degli studi che gli dicono che Canale 5 non ha ancora perso del tutto il pubblico interessato ai grandi temi dell’informazione. Da quando Silvio Berlusconi non è più presidente del consiglio, Mediaset sembra voler dare nuovo impulso all’informazione. A leggerla con malizia questa tendenza sembra una prova generale per la copertura televisiva della grande campagna elettorale per le politiche del 2013 che di fatto è già iniziata. Ma voglio dare fiducia alle buone intenzioni del tuo grande estimatore Pier Silvio Berlusconi. Se sulla sua scrivania ha anche degli studi che gli quantificano quanto è stata danneggiata Mediaset in termini di credibilità dalla carriera politica del padre fondatore, allora forse la mia fiducia è ben riposta. Un vice presidente di un grande gruppo televisivo ha il dovere di guardare molto più avanti dell’esistenza politica del padre e di dimostrare che l’azienda è dinamica, viva ed ha voglia di lasciarsi alle spalle l’immagine di costola di Silvio. Caro Alessio Vinci, dare tutti questi significati profondi alla puntata di Matrix di ieri in prima serata contro Sanremo potrebbe rivelarsi solo frutto della mia più ottimistica voglia di vedere una Mediaset diversa. Forse tu ad Atene ci sei capitato per chissà quale altro motivo e ti è venuto in mente di fare un’americanata estemporanea che il tuo grande estimatore Pier Silvio Berlusconi ha subito avallato perché non aveva a portata di mano una puntata di Centovetrine. Io comunque ieri sera, un po’ perché ho dichiarato l’embargo totale contro il Festival di Sanremo e un po’ per coerenza con il mio animo di sognatore, avevo scelto di guardare Matrix piuttosto che Piazzapulita. Se solo non fosse apparso in collegamento dal tuo studio di Roma l’ex ministro dell’Economia Giulio Tremonti a spiegarci perché c’è la crisi. Ieri sera, in prima serata su Rai Movie, ho visto il film Enigma.

Una risposta a "Matrix in prima serata sulla crisi della Grecia: sono stato ad un passo dal vederlo"

lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.