Vieni da me: se Caterina Balivo mi consiglia di fare una buona pennica il pomeriggio

Cara Caterina Balivo, da buon romano cinquantacinquenne, ho il culto della pennichella, o pennica, come la chiamiamo più comunemente noi romani accorciandola per faticare di meno a dirlo.

Quindi puoi capire con quale trasporto ho accolto il tuo invito via Twitter a dedicarmi ad una “buona pennica il pomeriggio 😘”.

È così che hai voluto rispondere a questo mio Tweet: “Ogni volta che una stagione tv riparte con conduttori come Caterina Balivo alla guida di programmi in onda 5 giorni a settimana per 9 mesi, chi fa blogging sulla tv come lo faccio io, ha la conferma che questa tv non merita di essere commentata #vienidame”. Cara Caterina Balivo, l’emoticon del bacio con l’occhietto e il cuoricino dice inequivocabilmente che la tua è stata una risposta simpatica alla critica di un “vecchio” blogger tv (dal 2003) che, già alla prima puntata della nuova stagione tv, stava mettendo una pietra tombale alla voglia di seguire il tuo programma Vieni da me che andrà in onda nei prossimi 9 mesi nel day time pomeridiano di Rai 1. Inutile dire che oggi ero in pole position davanti alla tv per vedere anche la seconda puntata: sono un inguaribile pessimista. La tua intervista a Roberto Poletti mi ha lasciato attonito. È stata surreale. Niente di ciò che avete detto mi è sembrato avere un significato tale da essere trasmesso dalla tv. Figuriamoci da Rai 1! Il neo conduttore di Uno Mattina, che non brilla per simpatia, ha davvero poco e niente di interessante da dire riguardo alla sua vita personale e professionale. Parliamo di un personaggio televisivo per il quale non credo possa esserci un grande interesse da parte del pubblico di Rai 1, visto che è apparso in Rai da pochi mesi alla guida di Uno Mattina Estate. Il fatto che tra le tue domande ci sia stata quella sul come ci si sente ad alzarsi presto al mattino per fare quel programma dimostra che c’era davvero poco da chiedere. Il racconto del suo rapporto bellissimo con la madre e del fatto che ha esordito in tv come concorrente di Doppio Slalom condotto da Corrado Tedeschi, mi stava facendo l’effetto pennica da te auspicato ma poi ad un certo punto lui ha preso la tua mano e ti ha ringraziato pubblicamente “per quello che tu sai”. Ecco, rimanere senza sapere che cosa hai fatto per lui al punto da manifestarti la sua gratitudine pubblica, ha dato finalmente un senso al fatto di aver rinunciato alla pennica. Oggi più di ieri sono convinto che il programma Vieni da me di Rai 1 rappresenta una nuova frontiera televisiva: è la televisione dell’incomunicabilità. Si perché io, cara Caterina Balivo, proprio non riesco a capire cosa comunichi quando conduci i tuoi programmi televisivi.

***

lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.