La casa dei miei sogni, ovvero, Mr. Akio Builds His Dream House

Cara Paola Marella, tra i format più presenti nei palinsesti delle tv del digitale terrestre spiccano quelli sulle compravendite immobiliari e sulle ristrutturazioni della casa dei sogni.

Tu sei la regina italiana del genere ed è pensando allo spirito positivo con cui accogli gli ospiti dei tuoi programmi tv che 6 mesi fa mi sono fatto persuaso (direbbe Montalbano) che acquistare casa sarebbe stata una bella esperienza, oltre che una fondamentale scelta di nuova vita.

Come avranno notato i lettori di Caro Televip sono stato un po’ preso da questo evento e non ho più avuto il tempo di fare tante cose tra cui guardare la tv e scrivere i miei post. Acquistare casa è un evento che ti assorbe totalmente: mente, portafogli e corpo. Chi non l’ha mai fatto e guarda in tv i programmi sull’acquisto di una casa non ha gli anticorpi per combattere questo virus. A chiunque abbia in mente di farlo e, soprattutto, lo fa per la prima volta, consiglio di vedere il vecchio film La casa dei nostri sogni (Mr. Blandings Builds His Dream House) con Cary Grant e Myrna Loy. E’ la rappresentazione che si avvicina di più all’onda anomala che ti sommerge dal momento in cui firmi la proposta di acquisto. Non c’è minuto del giorno che non pensi alla casa. Non c’è minuto del giorno che non ti trovi a maledire quella scelta. Non c’è minuto del giorno che non ti trovi a sognarti seduto sul tuo divano nel tuo soggiorno a leggere un buon libro. Non c’è minuto del giorno che non ti armi di calcolatrice per vedere quanto stai spendendo e come risparmiare senza rinunciare alla qualità minima. Non c’è minuto del giorno che non ti senti inadeguato a prendere decisioni su caldaie, persiane, muri portanti, impianti idraulici, impianti elettrici, cronotermostati, piastrelle, rosette del vetro in cucina per l’impianto interno a gas. Non c’è minuto del giorno che non ti trovi a combattere con trasportatori/montatori di mondi convenienza, pratiche burocratiche di gas, luce, telefono, arretrati del condominio del vecchio inquilino, fila all’Ama per l’attivazione del nuovo contratto TaRi ed altre delizie dell’italica gestione abitativa. Non c’è minuto del giorno che non sei preso dai dubbi, dalle preoccupazioni, dalle incertezze. Non c’è minuto del giorno che non guardi il tuo estratto conto con i risparmi degli ultimi trent’anni ridursi inesorabilmente giorno dopo giorno come gli ascolti delle tv generaliste sul digitale terrestre. Cara Paola Marella, se pensi di dare una svolta più pratica e meno favolistica ai format sull’acquisto della casa dei sogni, chiamami, sarò lieto di farti da consulente ed anche tu potrai gridare felice per la ritrovata serenità: “Il prosciutto non mangiam se non è di marca Wham!”.

Contrassegnato da tag , ,

lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: