Peppa Pig regina degli ascolti di Rai YoYo

Caro direttore di Rai Ragazzi Massimo Liofredi, continui a fare comunicati stampa per esprimere la tua grande soddisfazione per gli ascolti di Rai Gulp e Rai YoYo. In una Rai che si aggrappa alle repliche di Montalbano per mantenere alti i livelli di audience di Rai 1 (ieri la fiction Paura d’amare 2 ha fatto solo il 13.2% perdendo in prima serata contro Ballarò di Rai3, 17.4% di share!), tu giustamente valorizzi gli ascolti delle tue piccole reti. Potresti addirittura fare lo spavaldo mettendo in confronto i tuoi dati con quelli di Rai 2 che ha in Pechino Express la sua punta di diamante, ancorata al 7% di share (serie Usa e tedesche escluse). Ma lascia stare, chi te lo fa fare. Goditi questo momento d’oro; Rai YoYo e Rai Gulp possono solo crescere, Rai 1, Rai 2 e Rai 3, non so.

Caro direttore di Rai Ragazzi Massimo Liofredi, come ti criticavo quando eri direttore di Rai 2, così oggi ritengo giustissimo che il tuo grido di soddisfazione non venga soffocato e sento il dovere di rilanciarlo dicendo forte e chiaro che ieri, il cartone animato Peppa Pig 5 su Rai Yoyo in onda alle ore 20.32, ha fatto 522 mila telespettatori ottenendo un impressionante 2% di share (fonte ufficiostampa.rai.it). Nel fine settimana scorso, Rai Yoyo è stato nella fascia dalle 9.00 alle 10.00 di sabato mattina, il canale più seguito d’Italia con il 7,2% di share medio, (preceduto solo da Rai1 con il 13,0%, fonte ufficiostampa.rai.it). Caro direttore di Rai Ragazzi Massimo Liofredi, Rai YoYo è stabilmente tra i canali più seguiti del digitale terrestre nell’arco dell’intera giornata e tu non stai nella pelle:

“Questo a conferma del gradimento da parte delle famiglie italiane verso un canale molto attento alla programmazione e alla selezione dei contenuti di alta qualità, in linea con la missione di servizio pubblico affidataci dall’Azienda. Infine, anche il costante aumento di telespettatori del secondo Canale Rai Ragazzi, Rai Gulp, ci rende consapevoli dell’affezione al “brand” Rai Gulp presso i giovani ascoltatori sia in televisione che sul web” (da ufficiostampa.rai.it).

Peppa Pig, in questo momento, è la star assoluta di Rai YoYo. Le storie da 5 minuti ciascuna sono travolgenti per la semplicità delle ambientazioni in cui si muove la famiglia di maialini. Caro direttore di Rai Ragazzi Massimo Liofredi, ieri ho visto la puntata intitolata “La ragnatela”. Il padre di Peppa porta in giardino un ragno trovato in casa e coglie l’occasione per spiegare alla figlia come e perché un ragno costruisce la sua tela. Peppe Pig battezza il ragno “Signor Testasecca”. Peppa Pig, ora che sa quanta fatica occorre per fare una tela e quanto sia importante per l’equilibrio della natura, deve impegnarsi a preservare le tele di ragno. Peppa Pig è birbantella. Ha appreso la lezione così bene che il mattino seguente la mette subito in pratica. Il padre fa colazione e saluta la famiglia dicendo che deve correre in ufficio. Peppa lo insegue e lo blocca poco prima di partire con l’auto: “Noooo! Papàààà! Non lo puoi fare! Non puoi prendere l’auto!”. Il padre di Peppa si ferma perplesso e chiede spiegazioni. Peppa gli mostra una ragnatela fatta dal ragno “Signor Testasecca” tra il paraurti dell’auto e il muro di casa. Se il padre fosse partito con l’auto avrebbe rotto la ragnatela e Peppa Pig gli ricorda la lezioncina sul fatto di dover preservare le ragnatele che gli aveva fatto il giorno prima, invitandolo ad andare in ufficio con la sua bicicletta. Il padre di Peppa non dice una parola, sale in sella alla mini bici di Peppa e corre felice a lavorare. Caro direttore di Rai Ragazzi Massimo Liofredi, visto il grande successo di Peppa Pig presumo che saranno moltissimi i bambini italiani che d’ora in poi discuteranno con i genitori che, trovando in casa una ragnatela e volendola togliere, saranno rimproverati dai figlioletti fan di Peppa Pig. E vai! Tutti con tante ragnatele in casa! Almeno fino a quando i fan di Peppa Pig non saranno cresciuti e diventati fan di Violetta, la regina di ascolti di Rai Gulp.

lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.