Sky Italia annuncia Crime Investigation: un canale dedicato al crimine e ai morti ammazzati

Caro amministratore delegato di Sky Italia Andrea Zappia, ieri sei stato il grande protagonista della conferenza stampa con cui hai dato inizio ai festeggiamenti per i 10 anni di Sky Italia. E’ un anniversario importante perché la vostra azienda ha cambiato e sta cambiando il modo di fare e di vedere la televisione in Italia. Tutti vi riconoscono un altissimo livello tecnologico e di qualità delle immagini. Sulla qualità dei contenuti che trasmettete il discorso è molto più complesso. L’offerta dei vostri pacchetti è talmente vasta che è impossibile non trasmettere anche programmi non eccelsi dal punto di vista dei contenuti. Ma la vostra filosofia aziendale è quella di dare sempre di più ai vostri abbonati così, avete pensato di arricchire l’offerta di programmi poco eccelsi nel contenuto, annunciando il lancio di una intera rete dedicata al crime factual che dovrebbe iniziare le sue trasmissioni ad ottobre 2013 con il nome di Crime Investigation.

Ieri avevi cose più importanti da annunciare così non hai dato molti dettagli su questa novità così significativa del pacchetto offerto ai vostri abbonati. Sarà una rete factual, dunque basata su programmi informativi che racconteranno storie vere ricorrendo anche all’uso di ricostruzioni sceneggiate. Suppongo che i morti ammazzati avranno la maggior parte della vostra attenzione perché gli altri crimini come scippi e rapine avrebbero bisogno di una sceneggiatura alla Ocean’s Eleven per interessare il pubblico. Dunque non potrete fare a meno di dedicare molto spazio alle trasmissioni sui morti ammazzati che la tv generalista ha fatto diventare un genere tanto amato dal pubblico italiano. Scusa se ho detto tv generalista. Certo che anch’io che mi metto a confrontare la grande offerta di Sky con le trasmissioncine della tv generalista. Voi non ci fate una trasmissioncina settimanale sui morti ammazzati; voi ci fate un canale intero! Caro amministratore delegato di Sky Italia Andrea Zappia, è inutile dire che la vostra potenza produttiva sarà dedicata anche alla prevenzione e alla promozione di campagne anti-crimine e anti-violenza. La voce di un grande broadcaster come Sky sarà accanto alle forze di polizia e alle istituzioni che combattono il crimine tutti i giorni. E’ facile prevedere che in molte trasmissioni sarete supportati non solo dal criminologo di turno ma anche da specialisti operativi delle forze dell’ordine italiane. Ma dovrete pur sempre riempire un palinsesto quotidiano con 24 ore di programmi sul crimine. Se, come ho letto, il canale sarà gestito dalla Fox, allora avrete uno sterminato archivio di programmi crime factual già confezionati riguardanti i crimini e i morti ammazzati americani. Però come hai ripetuto lungamente ieri in conferenza stampa, Sky Italia “è pensata per gli italiani ed è fatta da italiani” quindi come potrà il canale Crime Investigation non dedicarsi alla cronaca nerissima italiana? E lo farete in HD, ovviamente.

2 risposte a "Sky Italia annuncia Crime Investigation: un canale dedicato al crimine e ai morti ammazzati"

  1. italianplugo 9 dicembre 2013 / 22:24

    Caro blogger, ho appena visto lo spot su sky del lancio di questo nuovo canale tematico. Non sapevo dell’arrivo di Crime & Investigation in Italia dal momento che AETN, proprietaria del network, aveva un “accordo” con la stessa Fox (la parte Crime) per non “calpestarsi” i piedi nel nostro Paese. A titolo informativo ed in riferimento alla frase che hai riportato (Sky Italia “è pensata per gli italiani ed è fatta da italiani”), ti comunico che mi è capitato di lavorare in una casa di produzione televisiva totalmente italiana che ha realizzato per Ci una serie di due stagioni intitolata “Crime Crossing the Line”. Tra i vari casi presi in esame ce ne saranno alcuni riguardanti il Bel Paese. Quindi un piccolo scorcio di italianità in un network che può sembrare totalmente di matrice statunitense c’è. Per il resto anche io presterò attenzione alla programmazione. Grazie per l’attenzione, saluti.

    • akio 11 dicembre 2013 / 17:21

      grazie a te per l’integrazione al post con il tuo commento, Akio.

lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.