Mauro Mazza ne è convinto: Rai 1 è un punto di riferimento per la qualità dell’intrattenimento televisivo

Caro direttore di Rai 1 Mauro Mazza, dopo Tale e Quale ed E’ stato solo un flirt? hai avuto il coraggio di mandare in onda anche Punto su di te, la tua terza novità di fine stagione tv. Il programma per fortuna è durato due sole puntate, giusto il tempo di sprecare un paio di passaggi televisivi in prima serata sulla rete ammiraglia Rai. Parlare di Punto di te sarebbe come parlare della festa di un paesino sperduto chissà dove alla quale sono interessati solo i membri della pro loco. Per definire Punto su di te basta dire che la conduttrice designata Paola Perego, si lo ripeto, Paola Pe-re-go!, lo ha abbandonato a pochi giorni dalla messa in onda perché “non c’erano le condizioni per andare avanti”. La conduttrice se ne sarebbe accorta all’ultima riunione con il gruppo di autori che le avevate messo a disposizione. Ora, visto che un programma televisivo, per quanto modesto sia, richiede programmazione, pianificazione, studio, analisi dei costi, scrittura dei testi, trasferte, impianti scenografici, tecnici, artisti ospiti, prove in studio e tutte le altre tantissime implicazioni proprie delle produzioni tv, voi avete comunque deciso di mandarlo in onda. Avete chiesto ad Elisa Isoardi di sacrificarsi montando in corsa sul carro degli sconfitti e per tranquillizzarla sul fatto che sul carro non sarebbe stata da sola le avete affiancato Claudio Lippi. Ieri li ho visti sperduti sul palcoscenico, come Totò e Peppino che si prendono per mano quando arrivano alla stazione di Milano. Nemmeno una emittente televisiva greca in default oggi penserebbe di mandare in onda un programma basato sulla gara tra talenti pescati nei paesi di origine di alcuni personaggi dello spettacolo che fanno loro da padrini. Caro direttore di Rai 1 Mauro Mazza, quando ti chiedono notizie sul tuo futuro da direttore di Rai 1 rispondi con convinzione: “E’ ovvio che mi piacerebbe proseguire in questa esperienza. Anche perché non capisco di cosa mi si possa accusare. La rete gode di buona salute. Abbiamo proposto Eduardo de Filippo in prima serata e riportato Fiorello alla Rai, un programma come La vita in diretta va benissimo ed è diventato un punto di riferimento per la qualità dell’intrattenimento” (da corriere.it del 20/3/12, intervista di Paolo Conti). Cosa si può dire davanti ad un direttore di rete che si barrica dietro a due serate di Eduardo, quattro di Fiorello, magnifica gli ascolti de La vita in diretta ed è convinto di essere un punto di riferimento per la qualità dell’intrattenimento televisivo? Niente, non c’è niente da dire. Questa è la Rai di oggi e poiché il presidente del consiglio Mario Monti ha poca voglia di metterci mano è chiaro che dobbiamo rassegnarci a tenercela anche per tutta la prossima stagione tv, e anche oltre, visto che la programmazione generale ed il piano investimenti si fanno con almeno un anno di anticipo. Caro direttore di Rai 1 Mauro Mazza, di una decisione importante devo darti atto. Aver sospeso Me lo dicono tutti con Pino Insegno che si dice essere tuo grande amico. A Rai 1 la qualità dell’intrattenimento non guarda in faccia nessuno.

2 risposte a "Mauro Mazza ne è convinto: Rai 1 è un punto di riferimento per la qualità dell’intrattenimento televisivo"

  1. margueritex 18 maggio 2012 / 06:09

    sai cosa ho pensato un giorno che essendo ammalata, sono andata a dormire dalla zietta e ho acceso la tele che lei ha in camera da letto e in tutte le stanze della casa??
    che la cosa più carina è la pubblicità…almeno qualcuna.
    prima o poi mi compro la tele per vedermi tutti gli spot..minuto per minuto.
    buon we!!!!

    • akio 18 maggio 2012 / 12:08

      ti dirò ip vedo un peggioramento anche negli spot…. l’altro giorno mia nipote canticchiava… “…è l’acqua lete che te spanza il soffritto dalla panza…” io non ho voluto crederle quando mi ha detto che era la canzoncina vera di uno spot e non una rielaborazione scolastica… fino a quando non ho visto ed ascoltato lo spot in radio e tv. buon fine settimana a te maggie!

lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.