Dog Whisperer, quando i cani aiutano gli uomini a fare l’auto analisi

Caro Cesar Millan, stasera alle 19.30 su Cielo prende il via la quarta stagione di Uno psicologo da cani – Dog Whisperer. Più che uno psicologo da cani tu sei uno psico-pedagogo per le persone che vivono con dei cani. La tua principale difficoltà è quella di far capire ai “padroni” che il loro cane ha bisogno di riconoscerli come capo branco. Ogni persona che si rivolge a te per educare il proprio cane viene da te educata. Mi diverto a vedere come passi con maestria dallo studio del comportamento del cane a quello del comportamento dell’umano. In pochi istanti individui i punti deboli del loro rapporto e ne viene fuori sempre la diagnosi che il cane è l’ultimo ad avere colpe riguardo ai suoi difetti. Con pochi ma praticissimi consigli risolvi i casi apparentemente più difficili anche se non sapremo mai che tipo di “danno” ha provocato il tuo intervento sulla psicologia del “padrone”. Si perché appare evidente anche al telespettatore meno esperto di psicologia canina che, al termine della puntata, il cane è bello, tranquillo e rilassato mentre l’uomo e la donna che hanno chiesto il tuo aiuto celano, dietro l’apparente soddisfazione, una certa preoccupazione. I loro volti sembrano dire: “Ma allora era colpa mia? Stavo rovinando il carattere del mio cane? Che cosa c’è in me che non va? Perché non sono stato in grado di capire Fuffy? Fuffy ora che penserà di me, che non sono stato capace di capirlo?”. Caro Cesar Millan, tu sei molto attento a non urtare la sensibilità delle persone ma, poiché il rapporto tra cane e padrone è sempre molto intenso, è inevitabile che il padrone si ponga certi interrogativi e che questi possano diventare un problema da superare. Non dico che abbiano bisogno di andare dall’analista ma secondo me dovresti pensare ad un nuovo format incentrato sulla vita del padrone di un cane dopo che si è rivolto a Dog Whisperer. Ti vedo al centro di una stanza a gestire la terapia di gruppo di tutti quelli che nelle prime tre edizioni del programma hai messo davanti alla dura realtà che nel rapporto con il cane il problema erano loro. Mentre tu tieni la terapia agli umani in salotto, tutti i loro cani potrebbero spassarsela in giardino a festeggiare la fortuna di aver trovato ciascuno il proprio capo branco e a dividere con il felice gruppo canino la gioia di aver contribuito ad aiutare i propri padroni a guardarsi dentro così nel profondo. Caro Cesar Millan, in tal senso credo che sarebbe più corretto se il tuo programma s’intitolasse Dog and Human Whisperer.

4 risposte a "Dog Whisperer, quando i cani aiutano gli uomini a fare l’auto analisi"

  1. tristantzara 10 Maggio 2012 / 14:55

    Ogni cane è u’ pezz’ do ‘core :-)) ciao

    • akio 10 Maggio 2012 / 14:58

      io non ho mai potuto tenerne ma penso proprio sia così

  2. viga1976 10 Maggio 2012 / 14:49

    il mio cane magari non sarà una mente sanissima,ma è libero.E gli vogliamo bene.

    • akio 10 Maggio 2012 / 14:59

      achille è un cane fortunato!

lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.