Presa Diretta e i collaboratori esterni che a causa dei tagli lineari potrebbero passare alla concorrenza

Caro Riccardo Iacona, ieri sera ho preso il coraggio a quattro mani ed ho visto la puntata di Presa Diretta su Rai 3 dedicata al trasporto pubblico locale. Chi come me prende tutti i giorni gli autobus e le metropolitane di Roma per andare a lavorare, può testimoniare la totale aderenza alla realtà della tua trasmissione che ha fotografato una situazione al collasso.

Questa mattina, avevo ancora in mente le immagini di Presa Diretta e salendo sull’autobus mi sono sentito protagonista di un reality show dal quale però non si può essere eliminati.

Se la tua puntata di ieri è servita a far uscire dai depositi anche solo un autobus in più, direi che il vostro lavoro è stato più utile di decine di ore di Vita in diretta sui morti ammazzati e di Detto fatto su come rifarsi il look. La Rai ha mille facce ma sono pochissime quelle che possono guardarsi allo specchio e dire: sto facendo un buon servizio pubblico. Presa Diretta andrà in onda ancora per due puntate e poi tornerà all’inizio del 2015 con il ciclo più lungo. Ma fai un grande fatica a tenere in piedi la baracca a causa della spending review. Presa Diretta è un programma fatto sia con risorse tecniche e giornalistiche interne alla Rai sia con l’ausilio di collaboratori esterni a partita iva che non prendono certo il compenso del conduttore di Ballarò, l’esterno Massimo Giannini. I tagli lineari del direttore generale Luigi Gubitosi stanno per abbattersi sulla tua redazione e sei giustamente preoccupato:

“Questi tagli insistono su compensi bassi, su persone che, tra l’altro, si anticipano le spese di viaggi e di alberghi necessari per fare i nostri reportage. In tutto questo, da caporedattore Rai, vedo un pericolo: la Rai non può permettersi di perdere il gruppo di lavoro di Presadiretta che troverebbe lavoro altrove perché esiste un mercato. Sono persone valide che non avrebbero certo problema a trovare spazio nella concorrenza (da corriere.it 3/9/14, articolo di Renato Franco).

Caro Riccardo Iacona, che delle risorse giornalistiche possano passare da una testa ad un’altra è normale in un regime di concorrenza. Così come è normale che tu nutra la speranza di trattenere queste risorse professionali che finora hanno lavorato così bene. Da abbonato, un indebolimento della redazione di Presa Diretta mi preoccupa di più della perdita di Giovanni Floris e di alcuni professionisti del suo gruppo di lavoro. Però una soluzione per i tuoi collaboratori esterni io ce l’ho. O meglio, faccio mia una considerazione molto divertente che ho letto ieri in una intervista  rilasciata da Bruno Gambarotta a Malcom Pagani de Il Fatto Quotidiano. Gambarotta è uno degli esempi più straordinari di risorsa interna che in Rai ha fatto l’elettricista, il cameraman, il programmista, il regista, l’autore e l’attore. Lui che ha trascorso una vita in Rai, alla domanda “Cosa è accaduto alla Rai di oggi?”, risponde come nel suo stile tra il serio e l’ironico:

“L’arrivo della concorrenza, l’estinzione dei grandi autori, la negazione del valore della gavetta, la cessione di interi appalti agli agenti come Presta e Caschetto che nella Tv di Stato fanno il bello e il cattivo tempo. Forse lavorano per Caschetto anche gli inservienti delle pulizie e se non è così, poco ci manca. E’ un peccato” (da Il Fatto Quotidiano, 21/9/14 intervista di Malcom Pagani).

Caro Riccardo Iacona, ecco la soluzione. Gli esterni della tua redazione devono entrare a far parte della scuderia di Lucio Presta o di Beppe Caschetto così staranno sul mercato televisivo a cifre che non ti faranno piangere per il loro addio.

Annunci

lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...